CARMELA MIA


(Califano, Cannio – 1903)


 
Addio Carmè', dimane aggi' 'a partí.
I' só' surdato, 'a Patria aggi' 'a serví.
'A luntananza nun mme fa scurdá
'e st'uocchie belle fatte pe' 'ncantá.
Tutte sti mise senza mme vedé,
sarraje sincera comm'io só' cu te?
 
Addio Carmela, domani devo partire.
Io sono un soldato, la Patria devo servire.
La lontananza non mi fa dimenticare
di questi occhi belli fatti per incantare.
Tutti questi mesi senza vedermi,
sarai sincera come io sono con te?
 
Carmè', Carmè'.
T'aggi' 'a lassá
nun c'è che fá.
Carmè', Carmè'.
 
Carmela, Carmela.
Ti devo lasciare
non c'è niente da fare.
Carmela, Carmela.
 
Luntano 'a te
chi nce pò stá?
'A fantasia te turmentarrá,
a tanta cose te farrá penzá.
Tu si' gelosa, assaje gelosa 'e me,
comm'io geluso sóngo 'e te, Carmè'.
'Ammore vero nun se pò tradí.
Sempe 'a reggina 'e chistu core si'.
 
Lontano da te
ci ci può stare?
La fantasia ti tormenterà,
a tante cose ti farà pensare.
Tu sei gelosa, tanto gelosa di me,
come io geloso sono di te, Carmela.
L'amore vero non si può tradire.
Sei sempre la regina di questo cuore.
 
Carmè', Carmè'.
…………………
 
Carmela, Carmela.
……………………
 
E quanno, sulo, 'int' 'o quartiere stó'
e 'a passione turmentá mme vò',
suspiro e vaso 'o cierro tujo, Carmè',
comme si chilli vase 'e ddesse a te.
Da 'o dito, 'aniello mio, nun t' 'o levá,
scriveme sempe, 'e me nun te scurdá.
 
E quando, solo, sto nel quartiere
e la passione mi vuole tormentare,
sospiro e bacio la tua ciocca, Carmela,
come se quei baci li dessi a te.
Dal dito, il mio anello, non te lo togliere,
scrivimi sempre, di me non ti dimenticare.
 
Carmè', Carmè'.
…………………
Carmela, Carmela.
……………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia