CARMELA


(G. De Curtis – 1894)


 
Fore mura ce sta na picciotta,
'mmiez'ê spine s'ha fatto na casa,
'ncopp' 'e ffronne s'addorme la notte
e na rosa cchiù bella nun c'è.
 
Fuori dalle mura c'è una ragazza,
in mezzo alle spine si è costruita una casa,
sulle foglie si addormenta la notte
e un rosa più bella non c'è.
 
Duorme, Carmè,
'o cchiù bello d' 'a vita è 'o ddurmí.
Sònnate a me,
'mparaviso cu tico vogl'í.
 
Dormi, Carmela,
la cosa più bella della vita è dormire.
Sognami,
in paradiso con te voglio andare.
 
Ogne sera ca torna â campagna,
va cantanno na bella canzone.
Essa dice ca 'o core se lagna.
Stu dulore 'o capisco sul'i'.
 
Ogni sera che torna dalla campagna,
canta una bella canzone.
Lei dice che il cuore piange.
Questo dolore lo capisco solo io.
 
Canta, Carmè',
tantu bella è 'sta voce a sentí.
Canta pe' me,
ca tu 'ncielo mme faje saglí.
 
Canta, Carmela,
tanto bella è questa voce da sentire.
Canta per me,
che tu in cielo mi fai salire.
 
Nu vasciello venette 'a luntano,
e pusaje a Surriento na Fata,
'ncopp' 'o scoglio addó' sta Tramuntano,
'mparaviso stu sito nun c'è.
 
Un vascello venne da lontano,
e posò a Sorrento una fata,
sullo scoglio dove sta Tramontano,
in paradiso questo posto non c'è.
 
Viene, Carmè',
t'arricuorde? 'Sta fata tu si'.
Torna cu me,
'ncopp''o scoglio vulimmo murí.
Vieni, Carmela,
ti ricordi? Questa fata sei tu.
Torna con me,
sullo scoglio vogliamo morire.


Giambattista De Curtis era ospite dell’albergo Tramontano a Sorrento, visto che era l’insegnate privato dei figli del proprietario. Un giorno si presento all’albergo una prosperosa contadina con un cesto di frutta e le chiese: “Come ti chiami?” La ragazza rispose “Carmela”. Lui continuò: “Cosa fai qui?” “Sono la figlia di un colono del commendatore, e abito a Fuorimura”. De Curtis, la incalzò di nuovo: “E cosa fai di solito?” “Dormo!” Rispose la giovane. E fu cosi che l’autore napoletano trovò l’ispirazione per questa poesia, successivamente diventata canzone, in cui riprende la discussione di quel giorno dicendo “Duorme carmè, ‘o cchiu bello da vita è ‘o durmì”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia