CARTA CANUSCIUTA


(Capillo, Lama)


 
Ma pecché quanno mme vide
te faje sempe 'a resatella?
Cu na scusa e n'angarella
cirche 'e mezze 'e mme fermá.
Ma che tipo te si' fatta.
Da che stammo appiccecate,
lasse a uno e piglie a n'ato,
senza maje te mmaretá.
 
Ma perchè quando mi vedi
ti fai sempre una risatina?
Con una scusa di una deviazione
cerchi dei modi per fermarmi.
Ma che tipo ti sei fatta.
Da quando abbiamo litigato,
lasci a uno e ne prendi un altro,
senza mai sposarti.
 
Po' mme dice: "'O vvuó' sapé?
'O penziero mio è pe' te".
 
Poi mi dici: "Lo vuoi sapere?
Il mio pensiero è per te".
 
Io po' dico: "'Sta canzone
proprio a me mm' 'a vuó' cantá?
Te vulisse fá ragione
ma 'a ragione nun ce sta.
Siente a me, chistu cunziglio
sóngo chiacchiere perdute.
Tu si' carta canusciuta,
tu si' sempe chella llá".
 
Io poi dico: "Questa canzone
proprio a me la vuoi cantare?
Tu vorresti fartene una ragione
ma la ragione non c'è.
Ascoltami, questo consiglio
sono chiacchiere perdute.
Tu sei una carta conosciuta,
tu sei sempre quella là.
 
Nun mme 'mporta ca tu chiagne.
Mo stu core è indifferente.
Cchiù tu parle e io cchiù nun sento,
pierde 'o tiempo appriesso a me.
Tu mme dice: "Ce sta Dio,
nun perdona stu peccato".
Bella mia chi t'ha penzato?
Che peccato aggi' 'a pavá?
 
Non m'importa che piangi.
Ora questo cuore è indifferente.
Più parli e più non ti sento,
perdi del tempo con di me.
Tu mi dici: "C'è Dio,
non perdona questo peccato".
Bella mia chi ti ha considerato?
Che peccato devo pagare?
 
E, facenno stu pparlá,
tu te cride 'e minacciá.
 
E, parlando così,
tu credi di minacciare.
 
Io po' dico: "'Sta canzone,
……………………………………..
 
Io poi dico: "Questa canzone
……………………………………..
 
Ma stu core è 'nnammurato
'e 'sta carta canusciuta.
N'ata vota c'è caduto,
n'ata vota 'a pò lassá.
Ma questo cuore è innamorato
di questa carta conosciuta.
Una volta c'è caduto,
un'altra volta la può lasciare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia