CARULI' CU 'ST'UOCCHIE NIRE


(Di Giacomo, Costa – 1889)


 
Caruli', pe' 'st'uocchie nire, nire, nire,
pe' 'sta vocca rossa, tu mme faje murire.
Ma murí nun voglio, né lassarte maje,
tengo na speranza ca t'arrennarraje.
 
Carolina, per questi occhi neri, neri, neri,
per questa bocca rossa, tu mi fai morire.
Ma morire non voglio, né lasciarti mai,
ho la speranza che ti arrenderai.
 
Oje Carulí'.
Oje Carulí'.
Oje Carulí'.
Mme vuó' fá strùjere accussí?
 
Dai Carolina.
Dai Carolina.
Dai Carolina.
Mi vuoi far struggere così.
 
Ména, Carulí'.
Ména, Carulí'.
Ména, Carulí'.
Nun 'o fá chiagnere accussí.
 
Dai Carolina.
Dai Carolina.
Dai Carolina.
Non lo far piangere così.
 
E ll'ammore è fatto comm'a na nucella,
ca, si nun 'a rumpe, nun t' 'a puó' magnare.
Tu si' tosta overo ma si' troppo bella,
chi t'ha cunusciuta nun te pò scurdare.
 
E l'amore è fatto come una nocciolina,
che, se non la rompi, non la puoi mangiare.
Tu sei dura davvero ma sei troppo bella,
chi ti ha conosciuta non ti può dimenticare.
 
Oje Carulí.
…………..
 
Dai Carolina,
…………….
 
'Sta nuttata è doce, 'sta luna è d'argiento,
tu mme miette 'ncroce pe' na cosa 'e niente.
Tutto attuorno canta: Ammore. Ammore. Ammore.
E risponne, attuorno, ogn'ánema, ogne core.
 
Questa nottata è dolce, questa luna è d'argento,
tu mi metti in croce per una cosa da niente.
Tutto intorno canta: Amore. Amore. Amore.
E risponde, intorno, ogni anima, ogni cuore.
 
Oje Carulí.
…………..
Dai Carolina,
…………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia