CATARI'


(Di Giacomo, Costa – 1892)


 
Marzo, nu poco chiove
e n'atu ppoco stracqua.
Torna a chiovere, schiove,
ride 'o sole cu ll'acqua.
 
Marzo, un po' piove
e un altro po' smette.
Torna a piovere, spiove,
ride il sole con l'acqua.
 
Mo nu cielo celeste,
mo n'aria cupa e nera.
Mo, d' 'o vierno, 'e ttempeste,
mo, n'aria 'e primmavera.
 
Ora un cielo celeste,
ora un'aria cupa e nera.
Ora, dell'inverno, le tempeste,
ora, un'aria di primavera.
 
N'auciello freddigliuso,
aspetta ch'esce 'o sole.
'Ncopp' 'o tturreno 'nfuso,
suspirano 'e vviole.
 
Un uccello freddoloso
aspetta che esca il sole.
Sul terreno bagnato,
sospirano le viole.
 
Catarí', che vuó' cchiù?
'Ntiénneme core mio.
Marzo, tu 'o ssaje, si' tu
e st'auciello, songh'io.
Caterina, che vuoi di più.
Capiscimi cuore mio.
Marzo, lo sai, sei tu
e questo uccello, sono io.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia