CATENA


(Santoro, Rossetti – 1944)


 
Nun mme vuó' bene?
E dimme, comme mm' 'o ppuó' dí?
Tu si' guagliona,
ll'ammore nun 'o ppuó' capí.
Ch'aggi' 'a fá, pe' me è destino.
Pe' st'uocchie belle tanto aggi' 'a suffrí?
 
Non mi vuoi bene?
E dimmi, come me lo puoi dire?
Tu sei una ragazzina,
l'amore non lo puoi capire.
Che devo fare, per me è destino.
Per questi occhi tanto belli devo soffrire?
 
Pe' me tu si' catena.
Pe' ll'ate si' Maria.
Io perdo 'a vita mia,
Maria. Marí', pe' te.
Tu nun mme dice maje,
maje na parola.
Dimme na vota sola:
"Te voglio bene"
e po' famme murí.
 
Per me tu sei catena.
Per gli altri sei Maria.
Io perdo la vita mia,
Maria. Maria, per te.
Tu non mi dici mai,
mai una parola.
Dimmi una volta sola:
"Ti voglio bene"
e poi fammi morire.
 
Tu cante e ride
e mme turmiente 'a giuventù.
Io mme ne moro,
ma sempe 'a stessa rieste tu.
Mamma chiagne e, a tutte ll'ore,
mme dice: "Figlio, nun 'a penzá cchiù".
 
Tu canti e ridi
e mi tormenti la gioventù.
Io ne muoio,
ma sempre la stessa resti tu.
Mamma piange e, a tutte le ore,
mi dice: "Figlio, non pensarla più".
 
Pe' me tu si' catena.
…………………………….
 
Per me tu sei catena.
…………………………….
 
Dimme na vota sola:
"Te voglio bene"
e po' famme murí.
Dimmi una volta sola:
"Ti voglio bene"
e poi fammi morire.

Un commento su “Catena

  1. Non posso esprimere i miei sentimenti ascoltando questa canzone! È vera poesia, una canzone di grande bellezza!
    Mi aiuta a affrontare la tristezza e la malinconia di qualche giorno!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia