CHE BENE VOGLIO A TE


(E. Murolo, Tagliaferri)


 
Quanno 'e bellizze conto ca tu tiene,
quanno t'avanto sti capille d'oro,
quanno mme siente 'e dì': "Te voglio bene",
quanno mme siente 'e dì' ca pe' te moro…
 
Quando conto le bellezze che hai,
quando ammiro questi capelli d'oro,
quando mi senti dire: "Ti voglio bene",
quando mi senti dire che per te muoio…
 
Só' niente sti pparole 'e sti ccanzone.
Che te vulesse dí, nun puó' sapé.
 
Sono niente queste parole di queste canzoni.
quello che ti vorrei dire non puoi sapere.
 
Si 'o cielo fosse nu fuglietto 'e lettera,
e 'o mare tutto gnostia pe' te scrivere,
manco nun mm'abbastasse pe' te dicere
che bene voglio a te.
 
Se il cielo fosse un foglietto di una lettera,
e il mare tutto inchiostro per scriverti,
non mi basterebbe neanche per dirti
quanto bene ti voglio.
 
Quanno na smania mm'arde ánema e core,
quanno te vaso 'ncopp'a st'uocchie nire,
quanno turmento sti mmanelle 'e cera,
quanno ll'affanno siente 'e sti suspire…
 
Quando un desiderio mi brucia anima e cuore,
quando ti bacio su questi occhi neri,
quando tormento queste manine di cera,
quando senti l'affanno di questi sospiri…
 
Chello ch'a fianco a te, matina e sera,
tengo 'int' 'e vvéne, tu nun puó' sapé.
 
Quello che affianco a te, mattina e sera,
ho nelle vene, tu non puoi sapere.
 
Si n'atu sole addeventasse Napule,
si ascesse tutt' 'a lava d' 'o Vesuvio,
maje fosse comm' 'o ffuoco 'e desiderio,
ca tengo 'mpietto, 'e te.
Se Napoli diventasse un altro sole,
se uscisse tutta la lava dal Vesuvio,
mai sarebbe come il fuoco del desiderio,
che ho in petto, di te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia