CHE MALASPINA


(Fusco, Cioffi)


 
Nun ce sta sera ca nun stóngo a vino,
è meglio ca mme scordo e ca mme stono.
Si veco ca mme tremmano sti mmane,
vaco a sfrennesiá dint' 'a cantina.
Nun ce sta sera ca nun stóngo a vino.
 
Non c'è sera che non sono ubriaco,
è meglio che dimentico e che mi stono.
Se vedo che mi tremano le mani,
vado a sfogarmi all'osteria.
Non c'è sera che non sono ubriaco.
 
Che malaspina si' tu, che malaspina.
Astrigne, dint' 'e mmaglie 'e na catena,
ll'ommo ca s'è abbagliato 'e passione,
primma ll'attire e doppo t'alluntane.
Te cride, 'ncapa a te, ca si' 'nnucente?
Si' tanta bella, ma si' malamente.
 
Che infame sei tu, che infame.
Stringi, nelle maglie di una catena,
l'uomo che è accecato di passione,
prima l'attiri e dopo ti allontani.
Pensi di essere innocente?
Sei tanto bella, ma sei cattiva.
 
Si 'nnanz'â luce metto stu bicchiere,
ce veco n'ombra ca mme fa paura.
Na faccia 'e santa cu duje uocchie chiare
ca s'annasconne 'o tradimento 'ncore.
Si 'nnanz'â luce metto stu bicchiere.
 
Se davanti alla luce metto questo bicchiere,
ci vedo un'ombra che mi fa paura.
Una faccia di santa con due occhi chiari
che nasconde il tradimento nel cuore.
Se davanti alla luce metto questo bicchiere.
 
Che malaspina si' tu, che malaspina.
Astrigne, dint' 'e mmaglie 'e na catena,
ll'ommo ca s'è stunato 'e passione,
primma t' 'o vase e doppo ll'abbandune.
Mo vaje dicenno ca nn'hê fatto niente.
Quanto si' bella tu, 'nfama e 'nnucente.
 
Che infame sei tu, che infame.
Stringi, nelle maglie di una catena,
l'uomo che è stordito dalla passione,
prima lo baci e dopo l'abbandoni.
Ora dici che non hai fatto niente.
Quanto sei bella tu, infame e innocente.
 
Comm'a na pianta 'e rose te criscevo.
'O sole 'e chist'ammore te vasava,
'o chianto 'e chistu core t'arracquava.
E tu, malvagiamente, mme tradive.
Comm'a na pianta 'e rose te criscevo.
 
Come una pianta di rose ti crescevo.
Il sole di quest'amore ti baciava,
il pianto di questo cuore ti innaffiava.
E tu, malvagiamente, mi tradivi!
Come una pianta di rose ti crescevo.
 
Che malaspina si' tu, che malaspina.
Ma si na sera sgarro cu 'o bicchiere,
mme scordo ca stu core è nu signore.
Ma i' penzo:"'A libbertá mm'è troppo cara".
Stasera è na serata 'e primmavera,
amice, ve saluto, bonasera.
 
Che infame sei tu, che infame.
Ma se una sera esagero col bicchiere,
mi dimentico che questo cuore è un signore.
Ma io penso: "La libertà mi è troppo cara"
Stasera è una serata di primavera,
amici, vi saluto, buonasera.
 
Quanta palomme 'ncielo sóngo asciute,
è bella, è troppo bella 'sta nuttata.
'O vino, pure 'o vino se n'è ghiuto.
I' torno â casa senza cumpagnía,
mm'addormo dint' 'e bbracce 'e mamma mia.
Che malaspina.
Quante colombe in cielo sono spuntate,
è bella, è troppo bella questa nottata.
Il vino, anche il vino se n'è andato.
Io torno a casa senza compagnia,
Mi addormento tra le braccia di mia madre. Che infame.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia