CHE MM'HÊ 'MPARATO A FFA'


(Trovajoli, Verde – 1957)


 
'E stelle d' 'a marina, chella sera,
pareva ce vulessero 'ncantá.
Però, ogne stella ca scenneva a mare
screveva 'ncielo: "Addio felicitá".
 
Le stelle della marina, quella sera,
sembrava che volessero incantarci.
Però, ogni stella che scendeva al mare
scriveva in cielo: "Addio felicità".
 
Tu, che mm'hê 'mparato a ffá',
che "Kiss me" vène a dí:
"io te vurria vasá"?
 
Tu, cosa me l'hai insegnato a fare,
che "kiss me" vuol dire:
"io ti vorrei baciare"?
 
Io, purtánnote cu mmé,
che t'aggio ditto a ffá':
"só' 'nnammurato 'e te"?
 
Io, portandoti con me,
che ti ho detto a fare:
"sono innamorato di te"?
 
Pecché, vasánnome accussí,
tu mm'hê 'mparato a dí
sti ccose scanusciute?
 
Perchè, baciandomi così,
tu mi hai insegnato a dire
queste cose sconosciute?
 
Capre, Surriento e 'sta luna,
se ne só' ghiute cu te.
 
Capri, Sorrento e questa luna,
se ne sono andate con te.
 
Tu, sapenno 'e nun turná,
che mm' hê 'mparato a fá
sti ffrase furastiere?
 
Tu, sapendo di non tornare,
che me le hai insegnate a fare
queste frasi straniere?
 
Ammore, ched è 'a felicitá
che mm'hê 'mparato a ffá'?
Amore, cos'è la felicità
cosa me l'hai insegnato a fare?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia