CHELLA LLA'


musica Vincenzo Di Paola, Sandro Taccani testo Umberto Bertini – 1957


 
St'ammore mme teneva 'ncatenato,
ma ho detto "Basta" e mme só' liberato.
Mme pare cchiù turchino 'o cielo,
mme pare cchiù lucente 'o mare
e 'o core canta p' 'a felicitá.
 
Questo amore mi teneva incatenato,
ma ho detto "Basta" e mi sono liberato.
Mi sembra più turchino il cielo,
mi sembra più luccicante il mare
e il cuore canta per la felicità.
 
Chella llá, chella llá,
mo va dicenno ca mme vò' lassá.
Se crede ca mme faccio 'o sango amaro,
se crede ca 'mpazzisco e po' mme sparo.
Chella llá, chella llá,
nun sape che piacere ca mme fa.
Mme ne piglio n'ata cchiù bella
e zetèlla restarrá.
Chella llá, chella llá, chella llá.
 
Quella là, quella là,
ora dice che mi vuole lasciare.
Crede che mi faccio il sangue amaro,
Crede che impazzisco e poi mi sparo.
Quella là, quella là,
non sa che piacere mi fa.
Me ne prendo un'altra più bella
e zitella resterà.
Quella là, quella là, quella là.
 
Ajere, mm'ha mannato nu biglietto
p' 'a figlia d' 'o purtiere dirimpetto.
Mme scrive ca nun è felice
e ca vurría, cu me, fá pace,
ma io mme stó' gustanno 'a libbertá.
 
Ieri, mi ha mandato un biglietto
tramite la figlia del portiere di fronte.
Mi scrive che non è felice
e che vorrebbe, con me, fare pace,
ma io mi sto gustando la libertà.
 
Chella llá, chella llá,
…………………….
Quella là, quella là,
…………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia