CHELLA D' 'E RROSE


(Netti, Falvo – 1924)


 
Chella ca mme cercava sempe 'e rrose,
chiena 'e frischezza e tutta simpatia,
nun sta passanno cchiù pe' chesta via,
chisà che ll'hanno ditto contr' 'e me.
 
Quella che mi chiedeva sempre le rose,
piena di freschezza e tutta simpatia,
non sta passando più per questa via,
chissà cosa le hanno detto contro di me.
 
E mme passano pe' 'nnante
tutt' 'e ccumpagne soje, a una a una.
Ma che sfurtuna.
Chella d' 'e rrose,
chella d' 'e rrose
i' nun 'a veco cchiù.
 
E mi passano davanti
tutte le sue amiche, una ad una.
Ma che sfortuna.
Quella delle rose,
quella delle rose
non la vedo più.
 
I' saccio 'o nomme ma nun saccio 'a casa,
a chi ce 'o vvaco a dí ch' 'a voglio bene?
Mo ch' 'a vurría vedé, mo nun ce vène.
Nisciuno cchiù è sincero attuorno a me.
 
Io so il nome ma non conosco la casa,
a chi lo vado a dire che le voglio bene?
Ora che la vorrei vedere, ora non ci viene.
Più nessuno è sincero intorno a me.
 
E mme passano pe' 'nnante
………………………………………..
 
E mi passano davanti
………………………………………..
 
E mo, d' 'e rrose, mm'ha restato 'e spine,
e mm'ha lassato senza nu saluto.
Pe' n'ato ammore, forse, mm'ha traduto.
Ma chi sarrá chist'ato, 'aggi' 'a sapé.
 
E ora, delle rose, mi ha lasciato le spine,
e mi ha lasciato senza un saluto.
Per un altro amore, forse mi ha tradito.
Ma chi sarà quest'altro, devo sapere.
 
E mme passano pe' 'nnante
tutte ll'amice mieje, a uno a uno.
Ma surtant'uno,
'o cchiù sincero,
'o cchiù sincero
i' nun 'o veco cchiù.
 
E mi passano davanti
tutti gli amici miei, uno ad uno.
Ma solo uno,
il più sincero,
il più sincero
non lo vedo più.
 
'O cchiù sincero
i' nun 'o veco cchiù.
Il più sincero
non lo vedo più.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia