CHIAMATE NAPOLI 081


(P. Giordano, E. Alfieri)


 
Pronto? Nanní' mme siente? Só' Salvatore.
Aggio telefonato, stevo 'mpenziero.
Voglio sapé, 'e guagliune stanno buono?
Mme stanno turmentanno 'e malepenziere.
 
Pronto? Anna, mi senti? Sono Salvatore.
Ho telefonato, stavo in pensiero.
Voglio sapere, i ragazzi stanno bene?
Mi stanno tormentando i cattivi pensieri.
 
Comm'è amaro a stá luntano
quanno tiene na famiglia,
quanno Napule addeventa cartulina.
Cunte 'e mise, 'e juorne, ll'ore,
e 'na smania cchiù te piglia
quanno siente nu mutivo 'e na canzone.
 
Com'è amaro star lontano
quando hai una famiglia,
quando Napoli diventa una cartolina.
Conto i mesi, i giorni, le ore,
e una smania più ti piglia
quando senti il motivo di una canzone.
 
Dimme, vicino a te sta Gennarino?
Assuntulella, comme? Nun sta durmenno?
Abbracciammille forte a tutt'e duje.
Dincello, papá lloro 'e vvò' bene assaje.
 
Dimmi, vicino a te c'è Gennarino?
Assuntina, come? Non sta dormendo?
Abbracciameli forte tutti e due.
Diglielo, il loro papà li vuole tanto bene.
 
Comm'è amaro a stá luntano
…………………………………
 
Com'è amaro star lontano
……………………………..
 
Luntano 'a vuje nun resisto cchiù.
Dimane piglio 'o treno
e mme ne torno a Napule
pe' stá sempe cu vuje,
pe' nun ve lassá cchiù.
Napule chiamma 'e figlie suoje,
comm'a na mamma ce stenne 'e bbraccia.
Napulitá', turnate, turnate,
Napule ve chiamma.
Lontano da voi non resisto più.
Domani prendo il treno
e me ne torno a Napoli
per stare sempre con voi,
per non lasciarvi più.
Napoli chiama i suoi figli,
come una mamma che tende le braccia.
Napoletani, tornate, tornate,
Napoli vi chiama.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia