CHIARI DI LUNA


(Bovio, Valente)


 
Tengo suonno e vuje dicite: "Vatte cócca".
Vatte cócca? E' na parola.
Ma nu lietto ca ristora,
ma nu lietto ca cunzola,
chi mm' 'o 'mpresta,
chi mm' 'o dá?
 
Ho sonno e voi dite: "Vai a letto".
Vai a letto? E' una parola.
Ma un letto che ristora,
ma un letto che consola,
chi me lo presta,
chi me lo da?
 
Sott' 'e cculonne 'e San Francisco 'e Paola1,
posso sognare na vucchélla 'e fravula.
 
Sotto le colonne di San Francesco di Paola1,
posso sognare una boccuccia di fragola.
 
Fior di pisello,
mentre mi sogno te, la mia fanciulla,
mi sceta il guardio con il mazzarello.
Fior di pisello, fior di pisello,
col mazzarello, col mazzarello.
 
Fior di pisello,
mentre mi sogno te, la mia fanciulla,
mi sveglia la guardia col manganello.
Fior di pisello, fior di pisello,
col manganello, col manganello.
 
Tengo famma e vuje dicite: "E quanno mange?"
Quanno mangio? E' na parola.
Ma nu piatto 'e vermicielle
cu 'o ffurmaggio e 'a pummarola,
chi mm' 'o 'mpresta,
chi mm' 'o dá?
 
Ho fame e voi dite: "E quando mangi?"
Quando mangio? E' una parola.
Ma un piatto di vermicelli
col formaggio e il pomodoro,
chi me lo presta,
chi me lo dà?
 
La forza scende, mancano i quattrini.
La panza si è azzeccata con i rini.
 
La forza scende, mancano i quattrini.
La pancia si è attaccata ai reni.
 
Fior d'ogni fiore,
io traso e ghièsco 'a Giuseppone a mare,
no pe' mangiá, ma pe' sentí ll'addore.
Fior d'ogni fiore, fior d'ogni fiore,
siente ch'addore, siente ch'addore.
 
Fiore di ogni fiore,
io entro e esco da Giuseppone al mare,
non per mangiare, ma per sentire l'odore.
Fiori di ogni fiore, fiori di ogni fiore,
senti che odore, senti che odore.
 
Tengo sete 'e vase ardente, accussí ardente,
ca nce vò' na vócca 'e fuoco.
Ma na bocca provocante,
che abbia ancora tutti i denti,
chi mm' 'a 'mpresta,
chi mm' 'a dá?
 
Ho sete ardente di baci, così ardente,
che ci vuole una bocca di fuoco.
Ma una bocca provocante,
che abbia ancora tutti i denti,
chi me la presta,
chi me la dà?
 
Non mme ne lagno si só' muzzecato,
pe' via ca 'o cane mózzeca 'o stracciato.
 
Non mi lamento se vengo morso,
visto che il cane morde lo straccione.
 
Fior di banana,
se il cor mi brucia per pensieri osceni,
'o piglio e 'o metto sott'a 'na funtana.
Fior di banana, fior di banana,
sott' 'a funtana, sott' 'a funtana.
Fior di banana,
se il cuore mi brucia per pensieri osceni,
lo prendo e lo metto sotto a una fontana.
Fior di banana, fior di banana,
sotto alla fontana, sotto alla fontana.


1 Basilica dedicata a San Francesco di Paola, ubicata in Piazza del Plebiscito a Napoli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia