CHIOVE


(Bovio, Nardella – 1923)


 
Tu staje malata e cante,
tu staje murenno e cante.
Só' nove juorne, nove,
ca chiove, chiove, chiove.
 
Tu sei malata e canti,
tu stai morendo e canti.
Sono nove giorni, nove,
che piove, piove, piove.
 
E se fa fredda ll'aria,
e se fa cupo 'o cielo,
e tu, dint'a stu ggelo,
tu sola, cante e muore.
 
E diventa fredda l'aria,
e si fa cupo il cielo,
e tu, in questo gelo,
tu sola, canti e muori.
 
Chi si'? Tu si' 'a canaria.
Chi si'? Tu si' ll'ammore.
Tu si' ll'ammore
ca pure quanno more,
canta canzone nove.
 
Chi sei? Tu sei la canarina.
Chi sei? Tu sei l'amore.
Tu sei l'amore
che anche quando muore,
canta canzoni nuove.
 
Giesù, ma comme chiove.
 
Gesù, ma come piove.
 
Tu, comm'a na Madonna,
cante na ninna-nonna
pe' 'n'angiulillo 'ncroce,
ca vò' sentí 'sta voce,
 
Tu, come una Madonna,
canti una ninna nanna
per un angioletto in croce,
che vuole sentire questa voce,
 
'sta voce sulitaria ca,
dint' 'a notte, canta.
E tu, comm'a na Santa,
tu sola sola, muore.
 
questa voce solitaria che,
nella notte, canta.
E tu, come ad una santa,
tu sola, muori.
 
Chi si'? Tu si' 'a canaria.
Chi si'? Tu si' ll'ammore.
Tu si' ll'ammore,
ca, pure quanno more,
canta canzone nove.
 
Chi sei? Tu sei la canarina.
Chi sei? Tu sei l'amore.
Tu sei l'amore
che anche quando muore,
canta canzoni nuove.
 
Giesù, ma comme chiove. Gesù, ma come piove.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia