CHITARRA ROSSA


(G. Russo, Mazzocco)


 
Sott' 'e llacreme d' 'a luna,
na chitarra rossa 'e vino,
triste e sola, se ne va.
Sente 'e palpite d' 'a notte
dint' 'o core mio ca sbatte
e nu nomme vò' chiammá'.

Ma ll'ammore mio addó' sta?
 
Sotto le lacrime della luna
una chitarra rossa di vino
triste e sola, se ne va.
Sente i palpiti della notte
nel mio cuore che batte
e un nome vuole chiamare

Ma l'amore mio dov'è?
 
Chitarra rossa,
ca 'int'a ll'ombra d' 'a notte passa,
chistu core te corre appriesso
pe' na via ca nun pò spuntá'.
 
Chitarra rossa,
che nell'ombra della notte passa,
questo cuore ti corre dietro
per una via senza uscita.
 
Chitarra rossa,
'sta vita mia nun 'a spezzá'.
E dincello,
ca si mme lassa,
chitarra rossa,
mme fa danná'.
 
Chitarra rossa,
questa vita mia non la spezzare.
E diglielo,
che se mi lascia,
chitarra rossa,
mi fa dannare.
 
Mm'arricordo 'e primme vase,
ca 'o cchiù bello suonno 'e spose,
ce facevano sunná.
Mo ca nun mme vuó' cchiù bene,
'mpietto, na curona 'e spine,
nott'e ghiuorno, aggi' 'a purtá'

e nun saccio cchiù pregá.
 
Mi ricordo i primi baci,
che il più bel sogno di sposi,
ci facevano sognare.
Ora che non mi vuole più bene,
in petto, una corona di spine,
notte e giorno, devo portare

e non so più pregare.
 
Chitarra rossa,
…………………….
 
Chitarra rossa,
…………………….
 
Chitarra rossa,
falla turná.
Chitarra rossa,
falla tornare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia