CHITARRATA D'AMMORE


(P. De Filippo – 1966)


 
Nannina tene 'o core 'nfus'ô ffèle,
nun fa 'na cosa si nun mme fa male.
Pure cu chesto 'a voglio bene assaje
ca nun mm' 'a putarraggio maje scurdá.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Annina ha il cuore immerso nel fiele,
non fa una cosa se non mi fa male.
Nonostante questo le voglio tanto bene
che non me la potrò mai dimenticare.

Ah – ah. Ah – ah.
 
'A cunuscette dinto primmavera,
quanno 'o sole è lucente comm'a ll'oro
e, comm'a ll'oro, dint'a ll'uocchie tene
na luce ca te struje e te pò cecá'.

Ah – ah. Ah – ah.
 
La conobbi in primavera,
quando il sole è splendente come l'oro
e, come l'oro, negli occhi ha
una luce che ti distrugge e ti può accecare.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Si mm'ha da dá nu vaso sulamente,
mm' 'o dá cu nu mussillo amaro e astrinto
ca mme turmenta e nun mme sazia maje
e 'e desiderio mme fa spantecá'.

Ah – ah. Ah – ah.
 
La conobbi in primavera,
quando il sole è splendente come l'oro
e, come l'oro, negli occhi ha
una luce che ti distrugge e ti può accecare.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Si mm'ha da dá nu vaso sulamente,
mm' 'o dá cu nu mussillo amaro e astrinto
ca mme turmenta e nun mme sazia maje
e 'e desiderio mme fa spantecá'.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Se mi deve dare un bacio soltanto
me lo dà con la bocca amara e stretta
che mi tormenta e non mi sazia mai
e di desiderio mi fa impazzire.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Tene 'e capille nire e anèlle anèlle,
na faccia delicata 'e madunnella,
ll'uocchie curvine e na vocca 'e curallo
ca n'ata eguale nun se pò truvá'.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Ha i capelli neri e ricci,
una faccia delicata da madonnina,
gli occhi corvini e una bocca di corallo
che un'altra uguale si può trovare.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Capisco quanno dice na bugía e quanno,
pe' dispietto, è 'nfama assaje,
ma è tanta 'a frenesia 'e vulerle bene
ca si mm'accide, bene mme farrá'.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Capisco quando dice una bugia e quando,
per dispetto, e molto infame,
ma è tanta la voglia di volerle bene
che si mi uccide, bene mi farà.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Comme te dá na gioja, te dá na pena
e sape vulé male e vulé bene.
Ma si doce te guarda e t'accarezza,
te dá 'o calore d' 'a felicitá.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Come ti dà una gioia, ti dà una pena
e sa voler male e voler bene.
Ma se dolcemente ti guarda e ti accarezza,
ti dà il calore della felicità.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Si sulo mm'ha da dí ca mme vò' bene,
primma mm' 'o ddice e doppo mm'avvelena
cu nu dispietto o pure nu capriccio
ca 'o core mme fa chiagnere e pená'.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Se solo mi deve dire che mi vuole bene,
prima me lo dice e poi mi avvelena
con un dispetto o anche con un capriccio
che il cuore mi fa piangere e penare.

Ah – ah. Ah – ah.
 
E' tanto capricciosa ca 'nu sciore,
ê vvote 'a fa felice e pe' 'nu mare
'e bene e de ricchezze è indifferente
e 'o core te fa strujere e 'mpazzí'.

Ah – ah. Ah – ah.
 
E' tanto capricciosa che un fiore,
a volte la fa felice e per un mare
di bene e di ricchezze è indifferente
e il cuore ti fa distruggere e impazzire.

Ah – ah. Ah – ah.
 
Ma quanno 'a tengo stretta 'int'a sti bbracce
e ca mme vasa e mm'accarezza 'a faccia,
nun ce stanno puntiglie e né capricce
che 'a dint' 'o core mm' 'a pònno levá'.

Ah – ah. Ah – ah.
Ma quando la stringo tra queste braccia
e che mi bacia e mi accarezza la faccia,
non ci sono puntigli e né capricci
che dal cuore me la possono togliere.

Ah – ah. Ah – ah.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia