CICCIO FORMAGGIO


(Pisano, Cioffi – 1940)


 
Te 'ncuntraje,
te parlaje
e m'innamorai di te.
Mme guardaste,
mme diciste:
"Mi piacete pure a me".
 
T'incontrai,
ti parlai
e m'innamorai di te.
mi guardasti,
mi dissi:
"Mi piacete anche a me".
 
Ma tutt' 'o bbene
ca hê ditto sempe 'e mme vulé,
è na buscía
ch'è asciuta 'ncopp' 'o naso a te.
 
Ma tutto il bene
che hai detto sempre di volermi,
è una bugia
che è uscita sul naso a te.
 
Si mme vulisse bene
overamente,
nun mme facisse
'ncujetá da 'a gente,
nun mme tagliasse
'e pizze d' 'a paglietta,
nun mme mettisse
'a vrénna 'int' 'a giacchetta.
Si mme vulisse bene, o mia Luisa,
nun mme rumpisse
'o cuollo d' 'a cammisa.
 
Se mi volessi
bene davvero,
non mi faresti
prendere in giro dalla gente,
non mi taglieresti
le punte del cappello,
non mi metteresti
l'avena nella giacchetta.
Se mi volessi bene, o mia Luisa,
non mi romperesti
il collo della camicia.
 
Si' na 'nfá'…, si' na 'nfá'…,
si' na 'nfama.
Te n'abù'…, te n'abù'…,
te n'abuse…
te n'abuse ca Ciccio Formaggio
nun tene 'o curaggio
nemmeno 'e parlá.
 
Se un'infa…, sei un'infa…,
sei un'infame.
Te ne appro…, te ne appro…,
te ne approfitti…
te ne approfitti che Ciccio Formaggio
non ha il coraggio
nemmeno di parlare.
 
Si sapisse,
si vedisse,
dint' 'o core mio che nc'è.
Cumpatisse,
mme dicisse:
"Puveriello, ma pecché?"
 
Se sapessi,
se vedessi
nel mio cuore che cosa c'è.
Compatiresti,
mi diresti:
"Poverino, ma perchè?
 
Ma 'ncopp' 'o core
tu nce tiene 'e pile, 'o ssá',
ca nu barbiere
nun ce abbasta p' 'e ttagliá.
 
Ma sul cuore
tu hai i peli, lo sai,
che un barbiere
non basta per tagliarli.
 
Si mme vulisse
bene overamente,
nun mme facisse
'ncujetá da 'a gente,
nun mme tirasse
'e pile 'a dint' 'e rrecchie,
nun mme mettisse
'o dito dint'a ll'uocchie,
nun mme mettisse
'a neve dint' 'a sacca,
nun mme squagliasse
'ncapa 'a ceralacca.
 
Se mi volessi
bene davvero,
non mi faresti
prendere in giro dalla gente,
non mi tireresti
i peli da dentro le orecchie,
non mi metteresti
il dito negli occhi,
non mi metteresti
la neve in tasca,
non mi scioglieresti
in testa la ceralacca.
 
Si' na 'nfá'…, ….
…………………..
 
Se un'infa…, ….
…………………..
 
L'altro giorno,
ma che scorno.
Vengo a casa e trovo a te
spettinata,
abbracciata
'nziem'a n'ommo. Bèh, ched è?
 
L'altro giorno,
ma che vergogna.
Arrivo a casa e trovo te,
spettinata,
abbracciata
con un uomo. Beh, che c'è?
 
Mme rispunniste:
"Chisto vene a te 'mpará
comme se vasa
quanno tu mm'hê 'a spusá".
 
Mi risposi:
"Questo viene ad insegnarti
come si bacia
quando tu mi dovrai sposare".
 
Si mme vulisse bene
overamente,
nun mme facisse
'ncujetá da 'a gente,
nun mme menasse
'e streppe 'e rafanielle,
nun mme mettisse
'a quaglia 'int' 'o cappiello,
nun mme facisse
stá, pe' n'ora sana,
cu 'a pippa 'mmocca
e cu 'a cannela 'mmano.
 
Se mi volessi
bene davvero,
non mi faresti
prendere in giro dalla gente,
non mi getteresti
le radici dei rapanelli,
non mi metteresti
la quaglia nel cappello,
non mi faresti rimanere,
per un'ora intera,
con la pipa in bocca
e la candela in mano.
 
Si mme vulisse
bene overamente,
nun mme facisse
'ncujetá da 'a gente,
nun mme pugnisse
areto cu 'o spillone,
nun mme mettisse
'a colla 'int' 'o cazone,
nun mme screvisse,
cu nu piezzo 'e gesso,
aret' 'o matinè:
"Ciccí' si' fesso".
 
Se mi volessi
bene davvero,
non mi faresti
prendere in giro dalla gente,
non mi pungeresti
dietro con lo spillone,
non mi metteresti
la colla nei pantaloni,
non mi scriveresti,
con un pezzo di gesso,
dietro alla giacchetta:
"Ciccio sei fesso".
 
Si' na 'nfá'…, ….
…………………..
Se un'infa…, ….
…………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia