CICERENELLA


(1700)


 
Cicerenella mia, si' bona e bella.

Cicerenella tenéa nu ciardino
e ll'adacquava cu ll'acqua e lu vino.
Ma ll'adacquava po' senza langella.
Chist'è 'o ciardino de Cicerenella.
 
Cicirinella mia, sei buona e bella.

Cicirinella aveva un giardino
e lo innaffiava con l'acqua e col vino.
Ma lo innaffiava poi senza l'anfora.
Questo è il giardino di Cicirinella.
 
Cicerenella teneva na gatta
ch'era cecata e purzí scontraffatta.
La strascenava cu meza codella.
Chest'è la gatta de Cicerenella.
 
Cicirinella aveva una gatta
che era cieca e persino malandata.
La trascinava con mezza coda.
Questa è la gatta di Cicirinella.
 
Cicerenella teneva nu gallo
e tutta la notte nce jéva a cavallo.
Essa nce jéva po' senza la sella.
E chisto è lo gallo de Cicerenella.
 
Cicirinella aveva un gallo
e tutta la notte ci andava a cavallo.
Lei ci andava poi senza sella.
E questo è il gallo di Cicirinella.
 
Cicerenella teneva nu ciuccio
e ll'avéa fatto nu bellu cappuccio.
Ma nu teneva né ossa e né pelle.
Chisto è lu ciuccio de Cicerenella.
 
Cicirinella aveva un asino
e gli aveva fatto un bel cappuccio.
Ma non aveva né ossa né pelle.
Questo è l'asino di Cicirinella.
 
Cicerenella tenéa na gallina
che facéa ll'uovo de sera e matina.
Ll'avéa 'mparata a magná farenella.
Chest'è 'a gallina de Cicerenella.
 
Cicirinella aveva una gallina
che faceva l'uovo di sera e mattina.
Gli aveva insegnato a mangiare farina.
Questa è la gallina di Cicirinella.
 
Cicerenella tenéa na pennata,
e, tutta la notte, steva allummata.
E ll'allummava co la lucernella.
Chesta è 'a pennata de Cicerenella.
 
Cicirinella aveva un cortile,
e, tutta la notte, stava illuminato.
E lo illuminava con la lanterna.
Questo è il giardino di Cicirinella.
 
Cicerenella teneva na vótte.
Mettea da coppa e asceva da sotto.
E nun ce steva tompagno e cannella.
Chesta è la vótte de Cicerenella.
 
Cicirinella aveva una botte.
Metteva da sopra e usciva do sotto.
E non c'era né coperchio né cannuccia.
Questa è la botte di Cicirinella.
 
Cicerenella tenéa na remessa
e nce metteva cavallo e calesse.
E nce metteva la soja tommonella.
Chesta è 'a remessa de Cicerenella.
 
Cicirinella aveva una rimessa
e ci metteva cavallo e calesse.
E ci metteva la sua bicicletta.
Questa è la rimessa di Cicirinella.
 
Cicerenella tenéa na tièlla,
frijeva ll'ove cu la mozzarella.
E le ffrijeva cu la sarcenella.
Chesta è 'a tièlla de Cicerenella.

Cicerenella mia, si' bona e bella.
Cicirinella aveva una pentola,
friggeva le uova con la mozzarella.
E le friggeva con una fascina.
questa è la pentola di Cicirinella.

Cicirinella mia, sei buona e bella.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2014 © Napoligrafia