CIENT'ANNE E NU JUORNO


(Martone, De Rosa)


 
Sfuglianno nu libro d' 'e ffate,
liggette na vota stu cunto.
A duje 'nnammurate,
na strega birbante
cient'anne abbracciate
facette restá.
 
Sfogliando un libro di fiabe,
una volta lessi questo racconto.
A due innamorati,
una strega birbante
cent'anni abbracciati
li fece rimanere.
 
Cient'anne e nu juorno vulesse campá
io pure accussí.
Cient'anne e nu juorno vulesse durmí
sunnanno cu te,
sunnanno cu te
sott'a stu cielo stellato.
Dint'a 'sta varca abbracciate
ca vucánnoce 'a nonna
dicesse a chest'onne:
"Nun 'e scetá".
 
Cent'anni e un giorno vorrei vivere
anch'io così.
Cent'anni e un giorno vorrei dormire
sognando con te,
sognando con te
sotto a questo cielo stellato.
In questa barca abbracciati
che remandoci la ninna nanna
direbbe a queste onde:
"Non le svegliare".
 
Cient'anne e nu juorno vulesse campá
pe' farte capí
ca nun esiste nu bene,
nu bene accussí.
 
Cent'anni e un giorno vorrei vivere
per farti capire
che non esiste un bene,
un bene così.
 
Cient'anne e nu juorno vulesse campá
sunnanno cu te.
Cent'anni e un giorno vorrei vivere
sognando con te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia