CIENTO APPUNTAMENTE


(Falsetti, Langella, Di Domenico)


 
Tutt' 'a gente mm' 'o ddiceva,
mm' 'o ddiceva,
chella se chiamma na 'ncatenacore
e chi s' 'a vasa s'avvelena e more.
Ma io nun ce credevo,
nun ce credevo,
pure si era na santa veritá.
 
Tutta la gente me lo diceva,
me lo diceva,
quella si chiama incatenacuori
e chi la bacia si avvelena e muore.
Ma io non ci credevo,
non ci credevo
anche si era una santa verità.
 
'O core 'e chella è comm' 'o calannario,
tene signate ciento appuntamente.
Te piglia e lassa comme fosse niente
e nun mantene maje nu giuramento
comm'ha fatto cu' mmé,
comm'ha fatto cu' mmé.
 
Il cuore di quella è come il calendario,
tiene segnati cento appuntamenti.
Ti prende e ti lascia come niente fosse
e non mantiene mai un giuramento
come ha fatto con me,
come ha fatto con me.
 
Pure si mme fa male e mme fa chiagnere,
che ce pòzzo fá
si 'a voglio bene?
 
Anche se mi fa male e mi fa piangere,
che ci posso fare
se le voglio bene?
 
Nun se campa tutt' 'a vita,
tutt' 'a vita
senza n'ammore ca mme dá calore.
E io campo cu nu gelo dint' 'o core,
ma ancora nun ce credo,
no, nun ce credo
ca chella è nata pe' mme fá murí.
 
Non si vive tutta la vita,
tutta la vita
senza un amore che mi dà calore.
E io vivo con un gelo nel cuore,
ma ancora non ci credo,
no, non ci credo
che quella è nata per farmi morire.
 
'O core 'e chella è comm' 'o calannario,
te piglia e lassa comme fosse niente,
e nun mantene maje nu giuramento,
comm'ha fatto cu me,
comm'ha fatto cu me.
 
Il cuore di quella è come il calendario,
ti prende e ti lascia come niente fosse
e non mantiene mai un giuramento
come ha fatto con me,
come ha fatto con me.
 
Pure si mme fa male e mme fa chiagnere,
che ce pòzzo fá,
si 'a voglio bene?

'A voglio bene.
Anche se mi fa male e mi fa piangere,
che ci posso fare
se le voglio bene?

Le voglio bene.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia