CINEMATOGRAFO


(E. A. Mario – 1927)


 
'Ncopp' 'o cartiello steva: "Ammore tragico"
e na figura 'e femmena scannata.
S'erano fatte na ventina 'e repliche,
ma 'a sala steva giá tutta affullata.
E ghiette i' pure a stu cinematografo,
comme se dice, pe' fatalitá.
 
Sul cartello c'era: "Amore tragico"
e una figura di donna scannata.
Si erano fatte una ventina di repliche,
ma la sala stava già tutta affollata.
E andai anche io al cinematografo,
come si dice, per caso.
 
D' 'a primma parte,
i' subito dicette:
"Ma st'autore, comm'ha pututo scrivere
chello ca porto 'nchiuso dint' 'o core?"
"Guarda stu primmo attore
ca ride si vò' chiagnere"
dicette uno d' 'o pubblico
ca mme sapeva "arrassumiglia a te".
 
Della prima parte,
io subito dissi:
"Ma quest'autore, come ha potuto scrivere
quello che porto chiuso nel cuore?"
"Guarda questo primo attore
che ride se vuole piangere"
disse uno del pubblico
che mi conosceva "somiglia a te".
 
"Pecché ce tuorne a stu cinematografo?"
"'O vvuó' sapé? Pecché mme piace assaje".
"E che lavoro fanno?" "Ammore tragico".
"Te piace tanto e nun mme puorte maje?"
"Nun ce vení ca è meglio assaje".
"No, pòrtame".
E che facette pe' vení cu me.
 
"Perchè ci torni in questo cinematografo?"
"Lo vuoi sapere? Perchè mi piace tanto."
"E che lavoro fanno?" "Amore tragico".
"Ti piace tanto e non mi porti mai"
"Non ci venire che è molto meglio".
"No, portami".
E cosa fece per venir con me.
 
"Donna, ti posso chiedere
conto del nostro onore?"
Essa liggette, pallida,
e, llá pe' llá, tenette mente a me.
"Ascimmuncénne fore.
Ascimmuncénne subito".
Io lle dicette: "Assèttate,
ch' 'a terza parte è bella e ll'hê 'a vedé".
 
"Donna ti posso chiedere conto
del nostro onore?"
Lei lesse, pallida,
e, lì per lì, mi guardò.
"Usciamo fuori.
Usciamo subito".
Io le dissi: Siediti,
che la terza parte è bella e la devi vedere".
 
"Ll'ommo mm'arrassumiglia?
E chella femmena fa comme faje tu a me,
tiénela mente".
Essa dicette: "Zitto, ca te sentono.
Pe' chi mme faje pigliá
'nnanz'a 'sta gente?"
Po', 'ncopp' 'o schermo, ascette scritto:
"Uccidila".
E 'a mana mia s'armaje senza vulé.
 
"L'uomo mi assomiglia?
E quella donna fa come fai tu,
guardala".
Lei disse: "Zitto, che ci sentono.
Per chi mi fai prendere
davanti a questa gente?"
Poi, sullo schermo, uscì scritto:
"Uccidila".
E la mia mano si armò senza volere.
 
Primma 'e se fá chill'ultimo
quadro scritto 'a ll'autore,
duje colpe se sentettero,
duje colpe vere, 'int'a ll'oscuritá.
"Luce, ca 'o primmo attore
sta ccá, sta 'mmiez'ô pubblico.
Pubblico, applaudíteme,
ll'ultimo quadro ll'aggio fatto i' ccá".
Prima di uscire quell'ultima
scena scritta dall'autore,
due colpi si sentirono,
due colpi veri, nell'oscurità.
"Luce, che il primo attore
è qua, in mezzo a questo pubblico.
Pubblico, applauditemi,
l'ultima scena l'ho fatta io qua".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia