COMM'AGGI' 'A FA'?


musica Peppino Gagliardi testo E. A. Mario – 1974


 
Mm'aggio pigliato 'Ammore pe' curriere,
ll'aggio mannato attuorno a fá 'mmasciate.
E 'o core, ch'è giá viecchio d' 'o mestiere,
nun ve ne dico quante n'ha truvate.
 
Ho preso l'Amore come corriere,
l'ho mandato in giro a mandare messaggi.
e il cuore, che è già vecchio del mestiere,
non vi dico quante ne ha trovate.
 
Mme n'ha truvate quatto pe' culore,
a ognuna 'e lloro lle vò' dá stu core.
 
Me ne ha trovate quattro per colore,
a ognuna di loro le vuole dare questo cuore.
 
Tengo unu core, 'e ffemmene só' tante,
comm'aggi' 'a fá?
Comm'aggi' 'a fá?
 
Ho un cuore, le donne sono tante,
come devo fare?
Come devo fare?
 
E' ricco assaje stu core,
ma si 'o sparto,
sparto ricchezza
e che lle resta?
Niente.
 
E' tanto ricco questo cuore,
ma se lo divido,
divido ricchezza
e che le resta?
Niente.
 
Tengo unu core, 'e ffemmene só' tante,
ammore, comm'aggi' 'a fá?
Ammore, comm'aggi' 'a fá?
Va', e di' ca 'e vvoglio bene a tuttuquante.
Ho un cuore, le donne sono tante,
amore, come devo fare?
Amore, come devo fare?
Vai, e dì che le voglio bene tutte.


La data si riferisce al lavoro del compositore e cantante Peppino Gagliardi che, nel suo album "Quanno figlieto chiagne e vo' cantà, cerca int' 'a sacca... e dalle 'a libbertà", musicò poesie inedite di alcuni dei più importanti poeti napoletani del passato come Nicolardi, Di Giacomo, E. A. Mario, ecc...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia