COMM'E' BELLA 'A STAGIONE


(Pisano, Falvo – 1924)


 
Ah…
Comm'è bella 'a stagione
senza lampe, senza tuone,
senza viento, a cammená.
Ma,
si fa caldo 'a matina,
faje nu bagno a Margellina,
te refrische llá pe' llá.
 
Ah…
Com'è bella l'estate
senza lampi, senza tuoni,
senza vento, a camminare.
Ma,
se fa caldo la mattina,
fai un bagno a Mergellina,
ti rinfreschi lì per lì.
 
Na passíata a mare,
cu 'a varca, a Marechiare,
e na zetella bionda
a fianco a te.
 
Una passeggiata al mare,
con una barca, a Marechiaro,
e una zitella bionda
di fianco a te.
 
Ah…
Dicimmo 'a veritá,
cient'anne ha da campá
chi dice ca ll'está
ce dá 'a felicitá.
Ah…
Comm'è bella 'a stagione.
 
Ah…
Diciamo la verità,
cent'anni deve vivere
chi dice che l'estate
ci dà felicità.
Ah…
Com'è bella l'estate.
 
Ah…
Comm'è bella 'a stagione
quanno faje nu pranzo buono,
tu te siente cchiù 'e nu rre.
Che
puparuole 'mbuttite,
treglie e ciéfare arrustite,
siente 'o mare 'mmócc'a te.
 
Ah…
com'è bella l'estate
quando fai un buon pranzo,
ti senti meglio di un re.
Che
peperoni imbottiti,
triglie e cefali arrostiti,
senti il mare in bocca.
 
Nu piérzeco zucuso,
na pera, na cerasa,
e doppo 'a limunata
te ll'hê 'a fá.
 
Una pesca succosa,
una pera, una ciliegia,
e dopo la limonata
devi prenderla.
 
Ah…
Dicimmo 'a veritá,
……………………
 
Ah…
Diciamo la verità,
…………………..
 
Ah…
Comm'è bella 'a stagione,
quanno vide a na pappona,
fresca fresca, a passiggiá.
Nèh,
comm' 'a carta velina,
chella vesta, fina fina,
nun te fa cchiù raggiuná.
 
Ah!
Com'è bella l'estate,
quando vedi una donna,
fresca fresca, che passeggia.
Eh,
come la carta velina,
quel vestito, fine fine,
non ti fa più ragionare.
 
E po' t' 'a suonne 'a notte,
t'avuote dint' 'o lietto
e, si nun si' 'nzurato,
t'hê 'a 'nzurá.
 
E poi te la sogni la notte,
ti giri nel letto
e, se non sei fidanzato,
te la devi sposare.
 
Ah…
Dicimmo 'a veritá,
……………………
Ah…
Diciamo la verità,
…………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia