COMME FACETTE MAMMETA


(Capaldo, Gambardella – 1906)


 
Quanno mammeta t'ha fatta,
quanno mammeta t'ha fatta.
Vuó' sapé comme facette?
Vuó' sapé comme facette?
 
Quando tua madre ti ha fatta,
quando tua madre di ha fatta.
Vuoi sapere come fece?
Vuoi sapere come fece?
 
Pe' 'mpastá sti ccarne belle,
pe' 'mpastá sti ccarne belle.
Tutto chello ca mettette?
Tutto chello ca mettette?
 
Per impastare queste carni belle,
per impastare queste carni belle.
Tutto quello che ci mise?
Tutto quello che ci mise?
 
Ciento rose 'ncappucciate,
dint' 'a mártula mmescate.
Latte, rose, rose e latte,
te facette 'ncopp' 'o fatto.
 
Cento rose incappucciate
nel mortaio impastate.
Latte, rose, rose e latte,
ti fece al momento.
 
Nun c'è bisogno 'a zingara
p'andiviná, Cuncè'.
Comme t'ha fatto mammeta,
'o ssaccio meglio 'e te.
 
Non c'è bisogno della zingara
per indovinare, Concetta.
Come ti ha fatta tua madre,
lo so meglio di te.
 
E pe' fá 'sta vocca bella,
e pe' fá 'sta vocca bella.
Nun servette 'a stessa dose,
nun servette 'a stessa dose.
 
E per fare questa bocca bella,
e per fare questa bocca bella.
Non servì la stessa dose,
non servì la stessa dose.
 
Vuó' sapé che nce mettette?
Vuó' sapé che nce mettette?
Mo te dico tuttecosa,
mo te dico tuttecosa.
 
Vuoi sapere che ci mise?
Vuoi sapere che ci mise?
Ora ti dico tutto,
ora ti dico tutto.
 
Nu panaro chino, chino,
tutt' 'e fravule 'e ciardino.
Mèle, zuccaro e cannella,
te 'mpastaje 'sta vocca bella.
 
Un cesto pieno pieno,
tutto di fragole di giardino.
Miele,zucchero e cannella,
ti impastò questo bocca bella.
 
Nun c'è bisogno 'a zingara
p'andiviná, Cuncè'.
Comme t'ha fatto mammeta,
'o ssaccio meglio 'e te.
 
Non c'è bisogno della zingara
per indovinare, Concetta.
Come ti ha fatta tua madre,
lo so meglio di te.
 
E pe' fá sti ttrezze d'oro,
e pe' fá sti ttrezze d'oro.
Mamma toja s'appezzentette,
mamma toja s'appezzentette.
 
E per fare queste trecce d'oro,
E per fare queste trecce d'oro.
Tua madre s'impoverì,
Tua madre s'impoverì.
 
Bella mia, tu qua' muneta?
Bella mia, tu qua' muneta?
Vuó' sapé che nce servette?
Vuó' sapé che nce servette?
 
Bella mia, tu quale moneta?
Bella mia, tu quale moneta?
Vuoi sapere cosa le servì?
Vuoi sapere cosa le servì?
 
Na miniera sana sana,
tutta fatta a filagrana,
nce vulette pe' sti ttrezze,
che, a vasá, nun ce sta prezzo.
 
Una miniera intera
tutta fatta di filigrana,
ci volle per queste trecce,
che, a baciarle, non c'è prezzo.
 
Nun c'è bisogno 'a zingara,
p'andiviná, Cuncè'.
Comme t'ha fatto mammeta,
'o ssaccio meglio 'e te.
Non c'è bisogno della zingara
per indovinare, Concetta.
Come ti ha fatta tua madre,
lo so meglio di te.

2 commenti su “Comme facette mammeta

  1. Bel sito; buona l’idea della traduzione. Gran parte della lingua napoletana si intuisce ma a volte ……. Nu panaro chino chino per me era un fornaio chinato. Dint’a martula……..dint’a è dentro ma per capire che martula si intende il mortaio……..che poi che cos’è il mortaio lo devo ancora capire,. a meno che non sia proprio l’arma che nel 1906 esisteva già. Grazie

    • Il mortaio è anche un utensile da cucina, usato per pestare, ridurre in polvere e mescolare sostanze solide (per esempio è usato per fare il pesto)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia