CORE 'E MAMMA


(E. Murolo, Campolongo – 1909)


 
Chella, mamma, sta cu 'o penziero
che st'ammore mme perdarrá.
Ll'hanno ditto dint' 'o quartiere
ch'è cchiù 'nfama d' 'a 'nfamitá.
Ll'ha saputo ca ll'uocchie belle
fanno chello ca vònno 'e me.
Ca n'ha visto dint' 'e ccancelle
figlie 'e mamma malepaté.
 
Quella, mamma, ha il pensiero
che questo amore mi farà perdere.
L'hanno detto nel quartiere
che è più infame dell'infamità.
L'ha saputo che gli occhi belli
fanno quello che vogliono di me.
Perchè ne ha visti in carcere
figli di mamma soffrire.
 
Dico: "Oje má',
sa' che vuó' fá?
Fa' nu vuto ca mme passasse
'sta fantasia.
Ch'a 'o primmo ammore mme fa turná.
Ch'a 'o primmo ammore mm'ha da fá turná".
 
Dico: "Oh mamma,
sai cosa puoi fare?
Fai un voto che mi facesse passare
questa fantasia
Che al primo amore mi facesse tornare.
Che al primo amore mi deve far tornare".
 
Dice mamma: "St'ammore antico
comme chiagne lassato 'a te.
S'ha sunnato ca 'mmiez'ô vico,
nu pericolo 'e morte nc'è.
Miettatillo chist'abbetiello,
ll'armatura dalla a mammá.
Si cu ll'ate si' capuzziello,
te só' mamma e mm'hê 'a rispettá".
 
Dice mamma: "Quest'amore antico
come piange lasciato da te.
Ha sognato che in mezzo al vicolo,
un pericolo di morte c'è.
Mettitelo quest'abitino,
l'armatura dalla a mamma.
Se con gli altri sei prepotente,
ti sono mamma e mi devi rispettare".
 
Dico: "Oje má',
sa' che vuó' fá?
………………….
 
Dico: "oh mamma,
sai cosa devi fare?
…………………….
 
Io nun faccio comm' 'o sartóre,
'nnammurato cchiù peggio 'e me
ca, stunato p' 'o stess'ammore,
taglia sciasse pe' fá gilè.
Io nun sóngo comm' 'o studente
ch'a 'o paese turná nun vò'.
Scrive â mamma, 'nnucentemente:
"Se non sposo, mi ammazzerò".
 
Io non faccio come il sarto,
innamorato peggio di me
che, rimbecillito per lo stesso amore,
taglia abiti da sera per farne gilet!
Io non sono come lo studente
che al paese tornare non vuole;
scrive alla mamma, innocentemente:
"Se non mi sposo, mi ammazzerò".
 
Dico: "Oje má',
sa' che vuó' fá?
……………………..
 
Dico: "oh mamma,
sai cosa devi fare?
……………………..
 
Ch'a 'o primmo ammore mme fa turná.
Ch'a 'o primmo ammore mm'ha da fá turná.
Che al primo amore mi facesse tornare.
Che al primo amore mi deve far tornare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia