CORE NAPULITANO


(Martucci, Ricciardi – 1965)


 
E' nu pianino
ca sona nu mutivo 'e na canzona
ca mme fa ricurdá addó' mme trovo.
 
E' un pianino
che suona un motivo di una canzone
che mi fa ricordare dove mi trovo.
 
Quanno se parla d' 'a luna,
d' 'e stelle e d' 'o mare,
se sape 'o ppecché.
Quanno se parla 'e canzone,
se parla d'ammore,
se parla 'e te,
'e te.
 
Quando si parla della luna,
delle stelle e del mare,
si sa il perchè.
Quando si parla di canzoni,
si parla d'amore:
si parla di te,
di te.
 
Comme si' bello, oje core napulitano,
cante, suspire e chiagne dint' 'e ccanzone
e nun te scuorde maje,
pure si vaje luntano,
ca 'o primmo ammore tujo
se chiamma Napule.
Comme si' doce oje core napulitano,
'o meglio 'nnammurato si' sempe tu,
'e Napule e d' 'e ccanzone.
Comme si' bello, oje core napulitano.
 
Come sei bello, oh cuore napoletano,
canti sospiri e piangi nelle canzoni
e non ti dimentichi mai,
anche se vai lontano,
che il tuo primo amore
si chiama Napoli.
Come sei dolce, oh cuore napoletano,
il migliore innamorato sei sempre tu,
di Napoli e delle canzoni.
Come sei bello, oh cuore napoletano.
 
Comme si' doce, oje core napulitano
'o meglio 'nnammurato si' sempe tu,
'e Napule e d' 'e ccanzone.
Comme si' bello oje core napulitano.
 
Come sei dolce, oh cuore napoletano,
il migliore innamorato sei sempre tu,
di Napoli e delle canzoni.
Come sei bello, oh cuore napoletano.
 
E' Napule 'sta musica
ca maje se pò scurdá.
E' Napoli questa musica
che mai si può dimenticare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia