CORE SIGNORE


musica Nicola Valente testo Salvatore Baratta – 1920


 
Si' comm'a tutt' 'e ffemmene
e po', pe' ghionta 'e ruótolo,
si' nata 'mmiez'ê zuóccole,
ce pasce e nce vuó' stá.
Capisce si nu giovane
è nato cu 'a sciammèria,
cu 'a scarpa 'e pella lucida,
cu 'a penna e 'o benparlá?
 
Sei come tutte le donne
e poi, in aggiunta,
sei nata tra gli zoccoli,
ci cresci e ci vuoi stare.
Capisci se un giovane
è nato con il cappotto,
con la scarpa di pelle lucida,
con la penna e il ben parlare?
 
Pirciò ce penzo e dico,
e 'o ddico proprio a te:
"'O mmale saje qual è?
'O mmale 'o ssaje qual è?
Ca só' signore
e tengo 'o core
cchiù signore 'e me.
cca só' signore…
e tengo 'o core
cchiù signore 'e me.
 
Perciò ci penso e dico,
e lo dico proprio a te:
"Il male sai qual è?
Il male lo sai qual è?
Che sono signore
ed ho il cuore
più signore di me
che sono signore…
ed ho il cuore
più signore di me.
 
T'aggio 'mparata a scrivere,
t'aggio 'mparata a vestere,
teatre, automobbele pe' te civilizzá.
Ma è stato tutto inutile.
Si' sempe 'a stessa femmena,
'ngrata, 'gnurante e sprùceta
e chiena 'e 'nfamitá.
 
Ti ho insegnato a scrivere,
ti ho insegnato a vestire,
teatri, automobili per civilizzarti.
Ma è stato tutto inutile.
Sei sempre la stessa donna,
ingrata, ignorante ed aspra
e piena di infamie.
 
Pirciò ce penzo e dico,
………………………….
 
Perciò ci penso e dico:
………………………….
 
Si fosse n'atu giovane,
pe' dignitá, per obbligo,
'sta faccia 'e latte e frávula,
te ll'avarrìa 'a sfriggià.
Ma io no, mme metto a ridere,
te tratto comme mmiérete.
Manco nu rigo 'e lettera
scrivo pe' te lassá.
 
Se fossi un altro giovane,
per dignità, per obbligo,
questa faccia di latte e fragola,
te la dovrei sfregiare.
Ma io no, mi metto a ridere,
ti tratto come meriti.
Neanche un rigo di lettera
scrivo per lasciarti.
 
Pirciò ce penzo e dico,
………………………….
Perciò ci penso e dico:
………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia