CORE SPEZZATO


(Russo, Mazzocco – 1968)


 
Comme te puó' scurdá d' 'o primmo ammore?
E comme puó' saglí 'ncopp'a ll'altare?
'O vvi' ca io stó' murenno 'e gelusia,
mentre sona pe' te ll'Ave Maria?
 
Come ti puoi dimenticare del primo amore?
e come puoi salire sull'altare?
Lo vedi che sto morendo di gelosia,
mentre suona per te l'Ave Maria?
 
Poveru core mio,
core spezzato,
ca t'ha vuluto bene
e tu hê traduto.
Primma ca dice: "Sí",
cchiù 'nnammurato,
te vène a purtá
ll'ùrdemo saluto…

core spezzato!
 
Povero cuore mio,
cuore spezzato,
che ti ha voluto bene
e tu hai tradito.
Prima che tu dica: "Sì",
più innamorato,
ti viene a portare
l'ultimo saluto…

cuore spezzato!
 
Ca mme vuó' bene 'o ssaccio io sulamente,
ca mm'hê lassato 'o ssanno tuttuquante.
Ma io voglio a te, si' tutt' 'a vita mia
e nun s'ha da suná st'Ave Maria.
 
Che mi vuoi bene lo so solo io,
che mi hai lasciato lo sanno tutti.
Ma io voglio te, sei tutta la vita mia
e non si deve suonare quest'Ave Maria.
 
Poveru core mio,
core spezzato,
………………..
Povero cuore mio,
cuore spezzato,
………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia