DESIDERIO


(Trusiano, Mazzocco – 1949)


 
Tenevo na chitarra e s'è scurdata,
na piantulélla 'e rose e s'è appassuta.
Tenevo a te, funtana 'e chesta vita,
e mo, st'ammore mio, se more 'e sete.
 
Avevo una chitarra e si è scordata,
una piantina di rose ed è appassita.
Avevo te, fontana di questa vita,
e ora, questo amore mio, muore di sete.
 
Desiderio,
desiderio 'e stu core,
primmo e ùrdemo ammore,
ca more cu me.
Si' na spina,
si' turmiento, si' pena,
ma io nun voglio a nisciuna,
io desidero a te.
 
Desiderio,
desiderio di questo cuore,
primo e ultimo amore,
che muore con me.
Sei una spina,
sei tormento, sei pena,
ma io non voglio nessuna,
io desidero te.
 
Comm'a nu sciore, 'e ffronne, a una a una,
da 'o core mio, sceppaste cu sti mmane.
Faje mille 'nfamitá, ma io te perdono,
pecché nun campo senza stu vveleno.
 
Come da un fiore, le foglie, una ad una,
dal mio cuore, strappasti con queste mani.
Fai mille infamie, ma io ti perdono,
perchè non vivo senza questo veleno.
 
Desiderio,
desiderio 'e stu core,
………………………..
Desiderio,
desiderio di questo cuore,
………………………………

Un commento su “Desiderio

  1. Ho ascoltato questa canzone presso l’editore Bideri di Napoli nel 1950.Al pianoforte era il Maestro Salvatore Mazzocco. Provava una giovane cantante che sbagliava sempre allo stesso punto dicendo “Si’ na spina, si’ turmiento, sti’ pene”,e il Maestro era visibilmente infastidito. Mi trovavo lì presente casualmente,perchè avevo accompagnato mio fratello Enrico,giovane paroliere 18enne,che si fece musicare dal giovane Maestro un paio di sue canzoni.Io avevo solo 9 anni.Un ricordo indimenticabile!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia