DESIDERIO 'E SOLE


(T. Manlio, M. Gigante – 1954)


 
E comm'è scuro 'o cielo 'e stu paese,
'e nnuvole cchiù nere stanno ccá.
'A primmavera nosta è n'ata cosa,
chi sta luntano nun s' 'a pò scurdá.
 
E come è scuro il cielo di questo paese:
le nuvole più nere sono qua.
La nostra primavera nostra è un'altra cosa:
chi sta lontano non la può dimenticare.
 
'O sole,
è bello 'o sole
ca vène, t'accarezza e se ne va.
 
Il sole,
è bello il sole
che viene, ti accarezza e se ne va.
 
Ammore, ammore mio,
'sta pecundría
mm'astregne 'o core.
 
Amore, amore mio,
Questa tristezza
mi stringe il cuore.
 
Sentesse maje pe' ll'aria na canzone,
sentesse maje na voce ca vò' bene.
Ammore, ammore mio,
p' 'a nustalgía, io mme ne moro.
 
Sentissi mai nell'aria una canzone,
sentissi mai una voce che vuol bene.
Amore, amore mio,
per la nostalgia, io muoio.
 
Spuntasse maje nu sciore a stu paese.
Che desiderio 'e sole
ca spacca 'e pprete e 'nfòca tutt' 'e ccase.
 
Spuntasse mai un fiore in questo paese.
Che desiderio di sole
che spacca le pietre e infuoca tutte le case.
 
'O juorno ca mme scrive na parola
e ca mme daje 'a speranza 'e te vedé,
dint'a stu cielo niro sponta 'o sole
ca vène a dá calore 'mpiett'a me.
 
Il giorno che mi scriverai una parola
e che mi darai la speranza di vederti,
in questo cielo nero spunterà il sole
che arriverà e darà calore al mio petto.
 
Stu core,
stu scemo 'e core,
s' 'a passa sempe a chiagnere pe' te.
 
Questo cuore,
questo scemo cuore,
sta sempre a piangere per te.
 
Ammore, ammore mio,
………………………….
Amore, amore mio,
……………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia