DIMME ADDO' STAJE


(Di Gianni, Barile – 1942)


 
Dimme addó' staje,
dimme a chi pienze tu.
 
Dimmi dove sei,
dimmi a chi pensi.
 
T'aspetto, tutt' 'e sere, ll'ore sane.
E, tutt' 'e ssere, spero ca tu viene,
ma è n'ombra ca s'accosta chianu chiano,
'a notte scenne e tu mme staje vicino.
E sulo 'nzuonno sento 'a voce toja,
staje 'mbracci'a me, mentre chisà addó' staje.
 
Ti aspetto, tutte le sere, ore intere.
E, tutte le sere, spero che tu venga,
ma è un'ombra che si avvicina piano piano,
la notte scende e tu mi stai vicino.
E solo in sogno sento la tua voce,
sei tra le mie braccia, mentre chissà dove sei.
 
Dimme addó' staje,
dimme a chi pienze tu.
Stu core, 'o ssaje,
ca nun ragiona cchiù.
E' n'anno,
è n'anno
ch'aspetto a te
e sulo 'nzuonno veco a te,
io veco a te.
 
Dimmi dove sei,
dimmi a chi pensi.
Questo cuore, lo sai,
che non ragiona più.
E' un anno,
è un anno
che ti aspetto
e solo in sogno ti vedo,
io ti vedo.
 
Te dètte 'o core mio p'avé nu core
e tu mm'hê dato a me lacreme amare.
Nun te putevo dá brillante e oro
comme vulive tu, pe' fá 'a signora,
ma si stu core mio nun trova pace,
chest'oro, 'ncuoll'a te, nun tene luce.
 
Ti ho dato il mio cuore per avere un cuore
e tu mi hai dato lacrime amare.
non ti potevo dare brillanti e oro
come volevi tu, per fare la signora,
ma se questo mio cuore non trova pace,
quest'oro, addosso a te, non ha luce.
 
Dimme addó' staje,
……………………..
Dimmi dove sei,
…………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia