DINT'A N'ORA DIO LAVORA


(E. Murolo, Tagliaferri – 1923)


 
Tramonta 'o sole.
Cu tammórre1 e castagnèlle,
dopp' 'a vennégna,
se spassano 'e ffigliole
p' 'e ccampagne.
 
Tramonta il sole.
Con tammorre1 e nacchere,
dopo la vendemmia,
si divertono le figliole
per le campagne.
 
E canta 'a primma:
"Io só' figlia 'e massára.
ma mme voglio spusá nu prufessore.
'Mpará mme voglio 'e llengue furastiere
a Napule pe' fá bella figura.
E p' 'o paese ognuno, nèh,
mme rispettasse comm'a na signora".
 
E canta la prima:
"Io son figlia di massaia.
ma voglio sposarmi un professore.
Voglio imparare le lingue straniere
per far bella figura a Napoli.
E nel paese ognuno, beh,
mi rispetterebbe come una signora".
 
Séh.
Pecché no?
 
Seh.
Perchè no?
 
Pò succedere 'int'a n'ora.
Dint'a n'ora Dio lavora.
Fa na guerra, fa na pace,
fa 'o capòteco capace,
si è tempesta calma 'o viento,
manna 'a grazia a nu 'nnucente,
fa arrubbá nu puorco avaro,
lle fa perdere 'e denare.
 
Può succedere in un'ora.
In un'ora Dio lavora.
Fa una guerra, fa la pace,
rende capace l'incapace,
se c'è tempesta calma il vento,
manda la grazia ad un innocente,
fa derubare un porco avaro,
gli fa perdere i soldi.
 
Séh,
pecché no?
 
Seh.
Perchè no?
 
Dicette n'ata:
"Io tengo mente 'e vvacche,
ma voglio, pe' marito, n'ommo ricco.
Voglio cappielle e veste tutte nocche,
magná liggiero, embè, pe' mme fá secca.
E p' 'o paese ognuno, nèh,
mm'ha da guardá accussí, speruto, 'mmócca.
 
Disse un'altra:
"Io guardo le vacche,
ma voglio, per marito, un uomo ricco.
voglio cappelli e vestiti tutti nastri,
mangiare leggero, beh, per dimagrire.
E per il paese ognuno, beh…
mi deve guardare così, desideroso, in bocca.
 
Séh.
Pecché no?
 
Seh.
Pecché no?
 
Pò succedere 'int'a n'ora.
Dint'a n'ora Dio lavora.
Pò fá n'angelo demmonio,
pò scucchiá nu matremmonio,
nu quadrato 'o fa ritondo,
fa stá buono 'o moribondo,
ferma 'a lava p' 'e ccampagne,
secca 'o mare e fa 'e mmuntagne.
 
Può succedere in un'ora
In un'ora Dio lavora:
Può far diventare un angelo demonio,
può rompere un matrimonio,
un quadrato lo fa tondo,
fa star bene il moribondo,
ferma la lava per le campagne,
asciuga il mare e fa le montagne.
 
Séh,
pecché no?
 
Seh.
Perchè no?
 
Dicette 'a terza:
"I' só' figlia 'e na rossa
e a nu cammurrestiello mme spusasse.
Se ritirasse tarde e mme vattesse,
chello d' 'e cane, 'a notte, nce passasse.
Ma p' 'o paese ognuno, nèh,
"Bongiorno, 'ossignurí'" mme salutasse".
 
Disse la terza:
"Io sono figlia di una rossa
e sposerei un camorrista.
Si ritirerebbe tardi e mi picchierebbe,
il cibo per cani, di notte, ci passerebbe.
Ma per il paese ognuno, beh,
"Buongiorno, vossignoria" mi saluterebbe".
 
Séh,
pecché no?
 
Seh,
pecché no?
 
Pò succedere 'int'a n'ora.
Dint'a n'ora Dio lavora.
Sposta ll'acqua 'e nu turrente,
fa sgravá tre parturènte,
créa nu regno e fa nu Papa,
cagna 'o munno e 'o fa da capo,
leva 'a frasca p' 'e ccantine,
fa padrone a Musullino2
 
Può succedere in un'ora
In un'ora Dio lavora:
Sposta l'acqua di un torrente,
fa partorire tre partorienti,
crea un regno e fa un Papa,
cambia il mondo e lo fa da capo,
leva la frasca dalle cantine,
rende padrone Mussolini 2.
 
Dimme na vota sí, ca mme vuó' bene,
……………………………………………
Dimmi una volta si, che mi vuoi bene,
…………………………………………..


1 La tammorra è uno strumento musicale a percussione. È un grosso tamburo a cornice il cui diametro, generalmente, è compreso tra i 35 e i 65 cm. 2 Varianti: “a seje sorde mette ‘o vino” (fissa a sei soldi il prezzo del vino) oppure “fa ascí ‘a rosa senza spine” (fa uscire la rosa senza spine).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia