DOJE MADONNE


(Rosetti, Di Gianni – 1948)


 
Aggio vuluto bene a doje Madonne,
ll'aggio vuluto bene pe' tant'anne.
Una, 'a tenevo dint' 'o core mio,
n'ata, 'a pregavo dint' 'a casa 'e Dio.
 
Ho voluto bene a due Madonne,
ho voluto bene loro per tanti anni.
Una, la tenevo nel cuore mio,
un'altra, la pregavo nella casa di Dio.
 
Mo sóngo nu spergiuro,
só' n'ombra nera ca p' 'o munno gira
'a quanno, pe' n'ammore,
chist'uocchie mieje só' 'nfuse'e chianto amaro.
 
Ora sono uno spergiuro,
un'ombra nera che gira per il mondo
da quando, per un amore,
questi miei occhi sono bagnati di pianto amaro.
 
Aggio vuluto bene a doje Madonne,
chella d' 'a cchiesa manco 'a veco 'a n'anno.
Chi sa pecché nun saccio cchiù pregá.
E tu, da 'o cielo, oje má',
prega p' 'a fá turná.
 
Ho voluto bene a due Madonne,
quella della chiesa non la vedo da un anno.
Chissà perchè non so più pregare.
E tu, dal cielo, madre,
prega per farla tornare.
 
Stanotte mamma mm'è venuta 'nzuonno
cu 'a voce 'e quanno mme cantava 'a nonna.
Mm'ha ditto: "Figlio, chella se n'avanta,
ma fatte 'a croce tu cu ll'acqua santa".
 
Stanotte mamma mi è venuta in sogno
con la voce di quando cantava la ninna nanna.
Mi ha detto: "Figlio, quella se ne vanta,
ma fatti la croce con l'acqua santa".
 
Mo sóngo nu spergiuro,
…………………………..
 
Ora sono uno spergiuro,
……………………………
 
Aggio vuluto bene a doje Madonne,
chella d' 'a cchiesa manco 'a veco 'a n'anno.
Chest'ombra nera
ca p' 'o munno va,
tu sulamente, oje má',
tu sola 'a puó' salvá.
Ho voluto bene a due Madonne,
quella della chiesa non la vedo da un anno.
Quest'ombra nera
che per il mondo va,
tu solo, madre,
tu sola la puoi salvare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia