DOJE SERENATE


(E. A. Mario – 1919)


 
Stasera, perdunate si v' 'o ddico,
mettimmoce in accordo e po' sunate.
Nuje ce 'mpuntammo 'mpont' 'o stesso vico
e, sunanno, 'mbrugliammo 'e sserenate.
 
Stasera, perdonate se ve lo dico,
mettiamoci d'accordo e poi suonate.
noi ci fermiamo nello stesso vicolo
e, suonando, confondiamo le serenate.
 
Sunate 'a vosta, i' mme stó' zitto e sento.
Facimmo a turno, io sòno doppo a vuje.
Si ve servesse ll'accumpagnamento,
ccá sta 'a chitarra, sunarríamo a dduje.
 
Suonate la vostra, io sto zitto e ascolto.
Facciamo a turno, io suono dopo di voi.
Se vi dovesse servire l'accompagnamento,
qui c'è la chitarra, suoneremmo in due.
 
Ma nun ve dico niente,
pecché sunammo pe' doje 'nnammurate
ca nun vanno truvanno 'o cuncertino.
 
Ma non vi dico niente,
perchè suoniamo per due innamorate
che non desiderano l'orchestrina.
 
Se songo abituate
ll'una, a sentí 'a chitarra sulamente,
e ll'ata, sulamente 'o mandulino.
 
Si sono abituate
l'una a sentire solamente la chitarra,
e l'altra, soltanto il mandolino.
 
'Sta serenata vosta va a chi tene
ll'uocchie turchine e belle, a comme pare.
Ah, pure nénna mia, ca i' voglio bene,
tene ll'uocchie turchine comm' 'o mare.
 
Questa vostra serenata va a chi ha
gli occhi turchini e belli, come sembra.
Ah, pure la mia bambina, a cui voglio bene,
ha gli occhi turchini come il mare.
 
E sta a 'o quarto piano 'a vosta? E comme?
E se chiamma Maria? Maria? " Maria".
Tene'e stess'uocchie? Tene'o stesso nomme?
Sta ô quarto piano? E' 'a 'nnammurata mia.
 
E sta al quarto piano la vostra? E come?
E si chiama Maria? Maria? "Maria".
Ha gli stessi occhi? Ha lo stesso nome?
Sta al quarto piano? E' la mia fidanzata.
 
E nuje ca, ingenuamente,
venimmo ccá a sciupá sti sserenate,
mentre forse lle sta n'ato vicino.
 
E noi che ingenuamente,
veniamo qui a sprecare queste serenate,
mentre forse un altro le sta vicino.
 
Ce vò' tené appaldate
pe' se spassá, comme si fosse niente,
mo cu 'a chitarra e mo cu 'o mandulino.
 
Ci vuole tenere in fresco
per divertirsi, come niente fosse,
ora con la chitarra, ora col mandolino.
 
Allèro, amico. E 'o ddico alleramente
ccá,'e scieme comm'a nuje só 'tante e tante.
E chesta, ch'era bella veramente,
nun puteva tené sulo n'amante.
 
Allegro, amico. E lo dico allegramente,
qui gli sciocchi come noi sono tanti e tanti.
E questa, che era bella veramente,
non poteva avere solo un amante.
 
Ma n'ati duje giá spontano. E scummetto
ca songo comm'a nuje, duje sfurtunate.
Vedimmo 'e cumbiná chistu quartetto,
è bello stu quartetto d' 'e cecate.
 
Ma altri due già spuntano. E scommetto
che sono come noi, due sfortunati.
Vediamo di creare questo quartetto,
è bello questo quartetto di ciechi.
 
Vuje nun dicite niente?
Ah, vuje tremmate? Sí, vuje 'ntartagliate
e i' pure tremmo. Parlo, ma scumbino.
 
Voi non dite niente?
Ah, voi tremate? Sì, voi balbettate
e io pure tremo. Parlo, ma mi confondo.
 
Nuje simmo 'nnammurate.
E chiagne 'sta chitarra tristamente.
E, tristamente, chiagne 'o mandulino.
Noi siamo innamorati.
E piange tristemente questa chitarra.
E, tristemente, piange il mandolino.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia