DOJE STELLE SO' CADUTE


(Mangieri – 1955)


 
Trèmmano, doje stelle, 'mmiez' 'o mare,
suspirano d'ammore
e 'a luna sta a guardá.
Cammina 'ncopp'a ll'onna na canzone,
'o viento passa 'a voce: "Oje marená'".
E cantano 'e Ssirene: "Ammore mio,
adduormete cu me, nun mme scetá".
 
Tremano, due stelle, in mezzo al mare,
sospirano per amore
e la luna sta a guardare.
Cammina sulle onde una canzone,
il vento passa la voce: "Oh marinaio".
E cantano le Sirene: "Amore mio,
addormentati con me, non mi svegliare".
 
Doje stelle só' cadute 'mmiez'ô mare,
doje stelle ca tremmavano d'ammore.
N'ammore cchiù doce e carnale,
n'ammore ca 'ncielo nun pò stá.
Doje stelle só' cadute, suspirose,
duje core 'nnammurate 'e stu paese,
addó' se ride e chiagne tutt' 'a vita,
addó' ll'ammore fa murí e campá.
 
Due stelle sono cadute in mezzo al mare,
due stelle che tremavano d'amore.
Un amore più dolce e carnale,
un amore che in cielo non può stare.
Due stelle sono cadute, sospirando,
due cuori innamorati di questo paese,
dove si ride e piange tutta la vita,
dove l'amore fa morire e vivere.
 
Giá se só' 'mbarcate 'e marenare,
cu 'e vvarche e cu 'e llampare,
só' ghiute pe' vedé.
Ma 'e stelle ll'hanno ditto: "Pe' favore,
nuje, 'ncielo, nun vulimmo cchiù turná".
Lassátece durmí 'mmiez'a stu mare,
lassátece sunná n'eternitá.
 
Già si sono imbarcati i marinai,
con le barche e con le lampare,
sono andati a vedere.
Ma le stelle hanno detto loro: "Per favore,
noi, in cielo, non vogliamo più tornare.
Lasciateci dormire in mezzo a questo mare,
lasciateci sognare per l'eternità".
 
Doje stelle só' cadute 'mmiez'ô mare,
……………………………………………………..
Due stelle sono cadute in mezzo al mare,
……………………………………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia