DON CARLUCCIO


(Di Giacomo, Gambardella - 1897)


 
Ll'ugliarara 'a cchiù gentile
sta 'int' 'o vico 'e Ffuntanelle,
addó' 'e ffemmene cchiù belle
stanno 'e tutt' 'a Sanitá.

Stanno 'e tutt' 'a Sanitá.
 
La venditrice d'olio più gentile
sta nel vicolo delle Fontanelle,
dove ci sono le donne più belle
di tutta la Sanità.

Ci sono di tutta la Sanità.
 
Cu na vita 'e seta janca,
cu ciert'uocchie 'e seta nera,
luce 'o juorno e luce 'a sera
e fa ll'uommene abbagliá.

E fa ll'uommene abbagliá.
 
Con una vita di seta bianca,
con certi occhi di seta nera,
splende il giorno e splende la notte
e fa abbagliare gli uomini.

E fa abbagliare gli uomini.
 
Puverella, 'a cchiù de n'anno,
trapassato ll'è 'o marito.
Chiagne, 'o chiamma, 'o va truvanno.

'O va truvanno, 'o va truvanno.
 
Poverina, da più di un anno,
le è morto il marito.
Piange, lo chiama, lo va cercando.

Lo va cercando, lo va cercando.
 
E tiritò, tirití, tiritá,
sóngo 'o capo d' 'a suggitá.
Ma stu core è nu butirro
ca, 'ncopp' 'o ppane,
se pò mangiá.
 
E tiritò, tiritì, tirità.
Sonoil capo del rione.
Ma questo cuore è un burro
che, sul pane,
si può mangiare.
 
Dint' 'o viculo 'e rimpetto
ce sta rrobba assaje cchiù ffina.
E' 'a padrona d' 'a cantina
addó' a bevere vaco i'.

Addó' a bevere vaje tu.
 
Nel vicolo di fronte
c'è merce assai più fine.
è la padrona della cantina
dove vado a bere.

Dove vai a bere.
 
O sarrá st'asprinia 'Averza1
o è 'a strettezza d' 'o lucale,
'o ccert'è ca mme fa male,
mm'aggi' 'a sósere e aggi' 'a ascí.

S'ha da sósere e ha da ascí.
 
Sarà quest'asprinio di Aversa1
sarà la strettezza del locale,
certo è che mi fa male,
devo alzarmi e devo uscire.

Deve alzarsi e deve uscire.
 
Cantenè', se non mi inganno,
pure vérola vuje site
Pure chesta 'o va truvanno.

'O va truvanno, 'o va truvanno.
 
Cantiniera, se non mi inganno,
anche voi siete vedova.
Anche questa lo va cercando.

Lo va cercando, lo va cercando.
 
E tiritò, tirití, tiritá,
…………………….
 
E tiritò, tirití, tiritá,
…………………….
 
Io só' guappo e stóngo 'e casa
dint' 'o vico 'e Ffuntanelle
addó' 'e ffemmene cchiù belle,
a 'mpazzía vanno pe' me.

A 'mpazzía vanno pe' te.
 
Io son guappo e sto di casa
nel Vicolo delle Fontanelle
dove le donne più belle
impazziscono per me.

Impazziscono per te.
 
Nun ce sta negozio apierto
addó' subbeto nun traso.
'O cchiù poco aggio nu vaso,
'o cchiù assaje nun' 'o ppòzzo dí.

'O cchiù assaje nun 'o ppò dì.
 
Non c'è negozio aperto
in cui subito non entro.
Come minimo ho un bacio,
come massimo non lo posso dire.

Come massimo non lo posso dire.
 
Io mm' 'a faccio passianno:
Belli ffé', ccá sta 'on Carluccio.
Chi mme vò', chi 'o va truvanno?

Chi 'o va truvanno? Chi 'o va truvanno?
 
Io trascorro il tempo passeggiando:
Belle donne, qui c'è Don Carluccio.
Chi mi vuole, chi lo vuole?

Chi lo vuole? Chi lo vuole?
 
E tiritò, tirití, tiritá,
…………………….
E tiritò, tirití, tiritá,
…………………….


1 L'Aversa Asprinio è un vino DOC, la cui produzione è consentita soltanto nelle province di Caserta e Napoli. Prende il suo nome dal comune di Aversa, dove sembra che sia stata coltivata l'uva per le prime produzioni risalente all'epoca normanna.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia