DUJE GIURAMENTE


(Fiore, Mazzocco – 1965)


 
Chella sera, fuje stu mare,
pe' nuje, na catena.
Te scurdaste 'e nu munno luntano,
mme giuraste: "Nun parto maje cchiù"
e ce dèttemo 'o ttu.
 
Quella sera, questo mare fu,
per noi, una catena.
ti dimenticasti di un mondo lontano,
mi giurasti: "Non parto mai più"
e ci demmo del tu.
 
Ma 'e giuramente d'ammore,
se ll'ha purtate 'o mare.
E mme turmenta, ogne sera,
na lacrema 'int' 'o core.
Tutt' 'e ricorde tornano
sott'a stu cielo blu,
ma 'e giuramente d'ammore
se ll'ha purtate 'o mare,
nun tornano cchiù.
 
Ma i giuramenti d'amore,
se li è portati via il mare.
E mi tormenta, ogni sera,
una lacrima nel cuore.
Tutti i ricordi tornano
sotto a questo cielo blu,
ma i giuramenti d'amore
se li è portati via il mare,
non tornano più.
 
Tutt' 'e ssere,
veco n'ombra ca vène da 'o mare,
veco a te ca screviste: "T' 'o ggiuro,
ca só' eterne chest'ore pe' me
e ritorno addu te".
 
Tutte le sere,
vedo un'ombra che viene dal mare,
vedo te che scrivesti: "Te lo giuro,
che sono eterne queste ore per me
e ritorno da te".
 
Tutt' 'e ricorde tornano
sott'a stu cielo blu.
Ma 'e giuramente d'ammore
se ll'ha purtato 'o mare
e nun tornano cchiù.
 
Tutti i ricordi tornano
sotto questo cielo blu.
Ma i giuramenti d'amore
se li è portati via il mare
Non tornano più.
 
Duje giuramente
ca nun tornano cchiù.
Due giuramenti
che non tornano più.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia