DUJE PARAVISE


(Melina, E. A. Mario – 1928)


 
Duje viecchie prufessure 'e cuncertino,
nu juorno, nun avevano che fá.
Pigliájeno 'a chitarra e 'o mandulino
e, 'nParaviso, jèttero a suná.
 
Due vecchi professori di orchestrina,
un giorno, non avevano niente da fare.
Presero la chitarra ed il mandolino
e, in Paradiso, andarono a suonare.
 
Ttuppe-ttù… "San Pié', arapite,
ve vulimmo divertí".
"Site 'e Napule? Trasite,
e facitece sentí".
 
Ttuppe-ttù… "San Pietro, aprite,
vogliamo divertirvi".
"Siete di Napoli? Entrate,
e fateci ascoltare.
 
"V'avimm' 'a fá sentí doje, tre canzone,
ca tutt' 'o Paraviso ha da cantá.
Suspire 'e vase, Museca 'e passione,
rrobba ca sulo a Napule se fa.
 
"Dobbiamo farvi sentire due, tre canzoni,
che tutto il Paradiso deva cantare.
Sospiri e baci, Musica di passione,
Roba che si fa solo a Napoli".
 
E 'a sera, 'nParaviso, se sunaje
e tutt' 'e Sante jèttero a sentí.
'O repertorio nun ferneva maje:
"Carmela, 'o Sole mio, Maria Marí'".
 
E la sera in Paradiso si suonò
e tutti i Santi andarono a sentire.
Il repertorio non finiva mai:
"Carmela, 'O sole mio, Maria Marì".
 
"Ah, San Pié', chesti ccanzone,
sulo Napule 'e ppò fá,
arapite stu barcone.
'A sentite 'sta cittá?
 
"Ah, San Pietro, queste canzoni,
solo Napoli le può fare,
aprite questo balcone.
La sentite questa città?
 
E, sott' 'o sole e 'a luna, vuje sentite
sti vvoce, ca só' voce 'e giuventù.
Si po' scennite llá, nun 'o ccredite?
Vuje, 'nParaviso, nun turnate cchiù.
 
E, sotto il sole e la luna, voi sentite
queste voci, che sono voci di gioventù.
Se poi scendete là, non ci crederete?
Voi, in Paradiso, non tornate più".
 
Ma, doppo poco, da 'a malincunía
'e viecchie se sentettero 'e pigliá.
Suffrévano nu poco 'e nustalgía
e, a Napule, vulèttero turná.
 
Ma, poco dopo, dalla melanconia
I vecchi si sentirono prendere:
Soffrivano un po' di nostalgia
e, a Napoli, vollero tornare.
 
"Mo, San Pié', si permettite,
nuje v'avimm''a salutá".
"Site pazze! Che dicite?
Nun vulite restá ccá?"
 
"Ora, San Pietro, se permettete,
noi vi dobbiamo salutare".
"Siete pazzi! Che dite?
Non volete restare qua?"
 
"Nuje simmo 'e nu paese bello e caro
ca tutto tène e nun se fa lassá.
Pusìlleco, Surriento, Marechiaro.
'O Paraviso nuosto è chillu llá".
"Noi siamo di un paese belo e caro
che ha tutto e non si fa lasciare.
Posillipo, Sorrento, Marechiaro.
Il nostro Paradiso è quello là".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2014 © Napoligrafia