E ALLORA?


(A. Gill – 1926)


 
Nel tram di Posìllipo,
al tempo dell'está,
un fatto graziosissimo
mi accadde un anno fa.
Il tram era pienissimo,
'a miezo, 'a dinto e 'a fora,
quando, alla via Partènope,
sagliette na signora.

E allora?
 
Nel tram di Posillipo,
in estate,
un fatto graziosissimo
mi accade un anno fa.
Il tram era pienissimo,
in mezzo, dentro e fuori,
quando, a via Partenope,
salì una signora.

E allora?
 
E allora io dissi subito:
"Signora, segga qua".
Rispose lei: "Stia comodo,
vedrá che ci si sta.
Si stríngano, si stríngano,
per me c'è posto ancora".
E quase 'nzino, 'ndránghete,
s'accumudaje 'a signora,

E allora?
 
E allora io dissi subito:
"Signora, si sieda qua".
Lei rispose:"Stia comodo,
vedrà che ci sta.
Si stringano, si stringano,
per me c'è posto ancora".
E quasi addosso,
si accomodò la signora.

E allora?
 
E allora, dietro all'angolo,
mi strinsi ancora un po',
Lei rise e poi, guardandomi,
le gambe accavalciò.
Io suspiraje vedennole
tanta na gamba 'a fora,
comme suspiraje Cesare
p' 'e ccosce d' 'a signora.

E allora?
 
E allora, dietro l'angolo,
mi strinsi ancora un po'.
Lei rise e poi, guardandomi,
le gambe accavallò.
Io sospirai vedendole
la gamba scoperta,
come sospirò Cesare
per le gambe della signora.

E allora?
 
E allor dissi: "E' di Napoli?".
"No, mi sun de Milan".
"Fa i bagni qua, certissimo".
"No, mi parto duman.
Vorrei vedere Frìsio,
non visto mai finora".
"Se vuole, io posso".
"Oh, grazie".
E s'ammuccaje 'a signora.

E allora?
 
E allora dissi: "E' di Napoli?"
"No, io sono di Milano"
"Fa i bagni qua, certissimo!"
"No, io parto domani.
Vorrei vedere Frìsio,
non l'ho visto mai finora."
"Se vuole, io posso".
"Oh, grazie".
E abboccò la signora.

E allora?
 
E allora, po',
addunánnome ca dint' 'o trammuè,
'a gente ce guardava,
dissi: "Signó', scendé'"
E mme pigliaje nu taxi
a vinte lire a ll'ora
e a Frìsio ce ne jèttemo,
io sulo, cu 'a signora.

E allora?
 
E allora, poi,
accorgendomi che dentro il tram,
la gente ci guardava,
dissi:" Signora, scendete".
E presi un taxi
da venti lire all'ora
e a Frisio andammo,
da solo, con la signora.

E allora?
 
E allora, senza scrupoli,
mm'accummenciaje a lanzá.
Ma lei, con fare ingenuo,
mi disse: "Oh, ciò non sta.
Andiamo prima a Frìsio,
mangiamo e, di buonora,
io sto all'Hotel Vesuvio,
lei mi accompagna, e allora…".

E allora?
 
E allora, senza scrupoli,
iniziai a lanciarmi.
Ma lei, con fare ingenuo,
mi disse: "Oh, ciò non sta.
Andiamo prima a Frisio,
mangiamo e, di buonora,
io sto all'Hotel Vesuvio,
lei mi accompagna, e allora…".

E allora?
 
E allora io feci subito
"necessita virtù".
Ma a Frìsio ce magnajemo
duiciento lire e cchiù.
Turnanno, immaginateve,
stevo cu ll'uocchie 'a fore.
Finché all'Hotel Vesuvio,
scennette cu 'a signora.

E allora?
 
E allora io feci subito
"di necessità virtù".
Ma a Frisio mangiammo
duecento lire e più.
Tornando, immaginate,
stavo con gli occhi di fuori.
Finché all'Hotel Vesuvio,
scesi con la signora.

E allora?
 
Qui viene il graziosissimo ca,
jenno pe' trasí,
a tutti presentávami:
"Presento mi' marí'".
Mm'avea pigliato proprio
pe' nu cafone 'e fora.
E ghièttemo 'int' 'a cammera
e s'assettaje 'a signora.

E allora?
 
Qui venne il graziosissimo
che, mentre entrava,
mi presentava a tutti:
"Vi presento mio marito".
Mi aveva preso proprio
per un cafone forestiero
Ed entrammo nella camera
e si sedette la signora.

E allora?
 
E allora, mentre proprio
'a stevo p'abbracciá,
vicino 'a porta, ttùcchete,
sentette 'e tuzzuliá.
"Chi sarrá maje 'sta bestia?
Si mandi alla malora".
Nu cameriere in smoking,
cu 'o cunto d' 'a signora.

E allora?
 
E allora, proprio mentre
stavo per abbracciarla,
sentii vicino alla porta, toc toc,
qualcuno che bussava.
"Chi sarà mai questo scostumato?
Che vada in malora".
Un cameriere in smoking,
con il conto per la signora.

E allora?
 
E allora ce guardajemo,
curiuse, tutt'e tre
Lei prese il conto e
"Págalo, duemila e ottantatré".
Cu na penzata 'e spíreto
diss'io: "Mo, nun è ora!"
E il cameriere pratico:
"Pardon, signor, signora".

E allora?
 
E allora ci guardammo,
in modo strano, tutti e tre.
Lei prese il conto
e "Pagalo, duemila e ottantatré".
Con una battuta di spirito
dissi: "Ora non è il momento!"
E il cameriere svelto:
"Mi scusino, signore, signora".

E allora?
 
E allora lei fa: "Sei stupido".
"Qua' stupido, madá'.
Ciento lirette 'e taxi,
duiciento pe' magná.
Duimila e tanta 'e cámmera
e chesto che bonora.
Ccá ce vó' 'o Banco 'e Napule,
carissima signora".

E allora?
 
E allora lei fa: "Sei stupido".
"Quale stupido, signora.
Cento lire di taxi,
duecento per mangiare.
Duemila e ottanta di camera
e questo solo per cominciare.
Qua ci vuole il Banco di Napoli,
carissima signora".

E allora?
 
E allora, senza aggiungere
manco nu "i" e nu "a",
pigliaje 'o cappiello e, sùbbeto,
mme ne scennette 'a llá.
Truvaje ancora 'o taxi.
"Scioffer, pensione Flora".
E ghiette a truvá a Amelia
 ca mm'aspettava ancora.

E allora?
 
E allora, senza aggiungere
nemmeno una "i" e una "a",
presi il cappello e subito,
me scesi da là.
Trovai ancora il taxi:
"Autista, pensione Flora".
Ed andai a trovare Amelia
che mi aspettava ancora.

E allora?
 
E allora ebbi la prova
di una grande veritá.
Ch' 'a via vecchia, p' 'a nova,
nun s'ha da maje cagná.
E allora ebbi la prova
di una grande verità:
Che la via vecchia, per la nuova,
non di deve mai cambiare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia