'E BBUSCIE


(Fiore, Valente – 1935)


 
Ma pecché, ma pecché nun mme guarde?
Ch'è succieso? 'O pputimmo sapé?
Só' venuto nu poco cchiù tarde.
E va buó' mo te spiego 'o ppecché.
Sono stato un momento add' 'o sarto.
Só' busciardo? Busciardo e maligno?
E io dimane 'o vestito mm' 'o 'ncigno
accussí tu mme cride, Concé'.
 
Ma perchè, ma perchè non mi guardi?
Che è successo? Lo possiamo sapere?
Sono arrivato un po' più tardi.
E va bene ora ti spiego il perchè.
Sono stato un momento dal sarto.
Sono bugiardo? Bugiardo e maligno?
e io domani il vestito lo metto
così mi credi, Concetta.
 
Nun mme chiammmá busciardo, bella mia,
pecché mme piglio collera e nun sta.
E overo, io dico spisso na buscía,
ma ê vvote, dico pure 'a veritá.
 
Non mi chiamare bugiardo, bella mia,
perchè mi arrabbio e non è bello.
E' vero, io dico spesso una bugia,
ma a volte, dico anche la verità.
 
Mm'hanno visto passá 'ncarruzzella
cu na donna vestita marrò'?
Biundulella? Truccata? Un po' snella?
Sissignore e chi dice ca nno?
Ma, Concé', se non senti 'a ragione,
tu non devi tremmá 'e gelusia.
Quella lí, non la sai? E' zizía,
na sorella cugina 'e mammá.
 
Mi hanno visto passare in carrozza
con una donna vestita di marrone?
Biondina? Truccata? Un po' snella?
Sissignore e chi dice di no?
Ma, Concetta, se non senti la ragione,
tu non devi tremare di gelosia.
Quella lì, non la conosci? E' la zia,
una cugina di mamma.
 
Nun mme chiammá busciardo, bella mia,
………………………………………………
 
Non mi chiamare bugiardo, bella mia,
…………………………………………..
 
E mo dimme, quel tale studente
ca te vene ogne tanto a truvá.
Quello lí che cos'è, t'è parente?
Ho capito, è nipote a papá.
E chist'ato ch'affaccia 'e rimpetto
e ti guarda e ti fa l'occhiolino?
Pure chisto, Concè' t'è cugino?
Ho capito, è nipote a mammá.
 
Ed ora dimmi, quel tale studente
che ti viene ogni tanto a trovare.
quello lì che cos'è, ti è parente?
Ho capito, è un nipote di papà.
E quest'altro che affaccia di fronte
e ti guarda e ti fa l'occhiolino?
Pure questo, Concetta, ti è cugino?
Ho capito: è nipote di mamma.
 
Nun mme chiammá busciardo, bella mia,
pecché tu manche addure 'e santitá.
E' overo, io dico spisso na buscía,
ma tu nun dice maje na veritá.
Non mi chiamare bugiardo, bella mia,
perchè neanche tu profumi di santità.
E' vero, io dico spesso una bugia,
ma tu non dici mai una verità.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia