E BONASERA AMMORE


(Galdieri, Nardella – 1911)


 
E vienetenne Ammore, e vienetenne
mo, cu 'a schiuppata 'e primmavera, scinne
dint' 'e nnuttate ca nun tengo suonno.
Dimme ca chesta nun è chella 'e tanno,
ch'è 'a cchiù sincera femmena d' 'o munno
e ca, sinceramente, sta aspettanno.
 
E torna Amore, torna
ora, con l'inizio della primavera, scendi
nelle nottate in cui non ho sonno.
Dimmi che questa non è quella di allora,
che la più sincera donna del mondo
e che, sinceramente, sta aspettando.
 
Dimme chello ca vuó',
canta comme vuó' tu,
ma io nun te credo, no,
ma io nun ce 'ncappo cchiù.
 
Dimmi quello che vuoi,
canta come vuoi tu,
ma io non ti credo, no,
ma io non ci casco più.
 
E s'è addurmuto, Ammore, e s'è addurmuto
stu core mio ca fuje maletrattato.
E ca tu cante storie? Nun se sceta.
E ca tu dice comm'a ll'ati vvote.
Nun è Crestina, nun è 'Mmaculata.
Dorme stu core mio, male capito.
 
E s'è addormentato, Amore, s'è addormentato
questo cuore mio che scappa maltrattato.
E che tu canti storie? Non si sveglia.
E che tu dici come le altre volte.
Non è Cristina, non è Immacolata.
Dorme questo cuore mio, mal capito.
 
Dimme chello ca vuó',
…………………………
 
Dimmi quello che vuoi,
………………………….
 
E bonasera, Ammore, e bonasera.
E va' a fá 'o ruffianiello a n'atu core.
Quanno c'è stato chi mm'ha ditto
"Giuro ca nun te lasso manco quanno moro"
e mm'ha lassato cu na vocca amara.
Fall'aspettá 'sta nénna ca suspira.
 
E buonasera, Amore, e buonasera.
E va a fare il ruffiano a un altro cuore.
Quando c' stato chi mi ha detto
"Giuro che non ti lascio nemmeno se muoio"
e mi ha lasciato con la bocca amara.
Falla aspettare questa ragazza che sospira.
 
Dimme chello che vuó',
………………………….
Dimmi quello che vuoi,
…………………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia