'E DDOJE LUCIE


(Marotta, Ricciardi – 1961)


 
'Ntagliaje stu nomme a prora
ca só' tre anne e cchiù.
Lucia se chiamma 'a varca,
Lucia te chiamme tu.
Ma tu nun mme vuó' cchiù bene
t'aggio perza chisà comme
e ll'avess' 'a cagná nomme
a 'sta varca primm' 'e mo.
 
Intagliai questo nome sulla prora
ormai sono tre anni e più.
Lucia si chiama la barca,
Lucia ti chiami tu.
Ma tu non mi vuoi più bene
ti ho persa chissà come
e le dovrei cambiar nome
a questa barca al più presto.
 
Voca voca,
oje marenaro.
Voca voca,
voca fore.
Varca sincera e femmena busciarda
nun se pònno chiamma cu 'o stesso nomme.
Ohé, mare lucente,
ohé, stamme a sentí:
o lle ricuorde tutt' 'e giuramente,
o cagne nomme e còre pure a me.
 
Rema rema,
oh marinaio.
Rema rema,
rema fuori.
Barca sincera e donna bugiarda
non possono chiamarsi con lo stesso nome.
Ohé, mare lucente,
ohé, stammi a sentire:
o le ricordi tutti i giuramenti,
o cambi nome ed cuore anche a me.
 
E passano 'e stagione,
ma 'o nomme tujo sta ccá.
Se ll'accarezza ll'onna,
s' 'o legge e se ne va.
Pure 'o tiempo, oje bella, è mare,
primma sbatte e po' s'addorme.
Vanno, 'e suonne, a chiorme a chiorme,
notte e ghiuorno 'ncerca 'e te.
 
E passano le stagioni,
ma il tuo nome è qua.
Se lo accarezza l'onda,
se lo legge e se ne va.
Anche il tempo, oh bella, è mare,
Prima sbatte poi si addormenta.
Vanno, i sogni, a gruppi a gruppi,
notte e giorno in cerca di te.
 
Voca voca,
oje marenaro.
……………….
 
Rema rema,
oh marinaio.
……………..
 
Ohé,
oje marenaro.
Voca voca.
Ohé.
Ohé,
Oh marinaio.
Rema rema.
Ohé.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia