'E LLAMPADINE


(Capaldo – 1919)


 
Nce simmo appiccecate mille vote
e mille vote avimmo fatto pace.
Volubile si' tu. Mo si' tenace,
a n'atu ppoco tu stuzziche a me.
E i' faccio 'o tira e molla appriesso a te.
 
Abbiamo litigato mille volte
e mille volte abbiamo fatto pace. Tu sei volubile. Ora sei tenace,
e un altro po' mi stuzzichi. E io faccio il tira e molla insieme a te.
 
Sti core nuoste
parono doje lampadine elettriche.
S'appicciano, se stutano,
se tornan'a appicciá.
E 'ammore, ca pe' spesso
ll'elettricista fa,
stuta a te,
appiccia a me,
pe' mme fá cchiù cunzumá.
E luce, luce, luce,
luce elettrica.
 
Questi nostri cuori
sembrano due lampadine elettriche.
Si accendono, si spengono,
ritornano ad accendersi.
E l'amore, che spesso
fa l'elettricista,
spegne te,
accende me,
per farmi consumare di più.
E luce, luce, luce,
luce elettrica.
 
Ajere mme faciste 'a dispettosa.
Ogge mm'accuorde cu nu pizzo a riso.
Dimane tu mme saglie 'mParaviso,
doppo dimane nc'îmm' 'a appiccecá
e po' facimmo pace llá pe' llá.
 
Ieri hai fatto la dispettosa,
oggi mi accogli con un volto sorridente.
Domani mi fai salire in Paradiso,
dopodomani dobbiamo litigare
e poi facciamo pace lì per lì.
 
Sti core nuoste
…………………
 
Questi nostri cuori
…………………….
 
E tiene mente, i' mo t' 'o stó' dicenno,
e mo piglie e mm'avuote 'e spalle 'nfaccia?
Po' tuorne a te mená dint'a sti bbracce
e indifferentemente vase a me?
E indifferentemente io vaso a te.
 
E guarda, io ora te lo sto dicendo,
e ora prendi mi giri le spalle?
Poi torni a gettarti tra queste braccia
e con indifferenza mi baci?
E con indifferenza io bacio te.
 
Sti core nuoste
…………………
Questi nostri cuori
…………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia