'E PALUMME


(Gallo, Persico – 1913)


 
Miezojuorno. Coce 'o sole
e vuje state 'int' 'o ciardino,
sott' 'e ffronne 'e mandarino,
'mmiez'ô gghianco d ''e llenzole
spase ô sole.
 
Mezzogiorno. Scotta il sole
e voi state nel giardino,
sotto alle foglie di mandarino,
in mezzo al bianco delle lenzuola
stese al sole.
 
E na chiorma 'e palummielle,
vola, vola attuorno a vuje
ca lle date 'e mullechelle.
Spuzzuléa, po' se ne fuje
chesta chiorma 'e palummielle.
 
E una gruppo di colombi,
vola, vola attorno a voi
che date loro le mollichine.
Spilucca, poi se ne fugge
questo gruppo di colombi.
 
Accussí, pe' 'sta passione
ca mme struje,
volano sempe, volano
tutt' 'e penziere mieje attuorno a vuje.
 
Così, per questa passione
che mi distrugge,
volano sempre, volano
tutti i pensieri miei attorno a voi.
 
Ma pecché, sbattenno 'e mmane,
ma pecché vuje n' 'e ccacciate
sti palumme aggraziate,
mentre po' lle date 'o ppane,
'mmiez'ê mmane?
 
Ma perchè, battendo le mani,
ma perchè voi li cacciate
questi colombi aggraziati,
mentre poi date loro il pane,
in mezzo alle mani?
 
Se ne vanno 'ncopp' 'o mare,
p' 'e mmarine, a duje a duje,
'ncopp' 'e titte, 'e campanare,
e po' tornano addu vuje.
Se ne vanno 'ncopp' 'o mare.
 
Se ne vanno sul mare,
per le marine, a due a due,
sui tetti, i campanili,
e poi tornano da voi.
Se ne vanno sul mare.
 
Accussí, pe' 'sta passione
ca mme struje,
si n' 'e ccacciate, tornano
tutt' 'e penziere mieje attuorno a vuje.
Così, per questa passione
che mi distrugge,
se li cacciate, tornano
tutti i pensieri miei attorno a voi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia