E' PICCERELLA


(Bovio, Valente – 1921)


 
'A mamma ha ditto: "Oje ni', saje che te dico?
E' strappatella e nun capisce ancora.
Te tratta, ch'aggi' 'a di', comm'a n'amico,
meglio 'e n'amico, comm'a frate e sora.
 
Mamma ha detto: "Oh piccolo, sai che ti dico?
E' piccola e non capisce ancora.
Ti tratta, che devo dire, come un amico,
meglio di un amico, come fratello e sorella.
 
E' piccerella,
è n'anema 'nnucente
e nun capisce niente".
 
E' piccola,
è un'anima innocente
e non capisce niente".
 
E' piccerella e intanto,
saccio sul'io chello ca dice 'a gente.
Ma 'a mamma dice ch'è na piccerella.
E i' dico appriess'â mamma: "E' piccerella".
 
E' piccola e intanto,
so solo io quello che dice la gente.
Ma la mamma dice che è piccola.
E io dico insieme a mamma: "E' piccola".
 
"E ll'hê purtato 'a veste?" "E sissignore,
na veste 'e seta. E chiste só' 'e scarpine.
Chist'è 'o cappiello, ch'è venuto 'a fore,
rrobba 'e Parigge, e chiste só' 'e ricchine".
 
"E le hai portato il vestito?" "E sissignore,
un vestito di seta. E queste sono la scarpine.
Questo è il cappello, che è arrivato da fuori,
roba di Parigi, e questi sono gli orecchini".
 
E 'a mmamma dice:
"Mo pare cchiù bella,
povera piccerella".
 
E la mamma dice:
"Ora sembra più bella,
povera piccolina".
 
E' piccerella e intanto,
saccio sul'io chello ca dice 'a gente.
Ma 'a mamma dice ch'è na piccerella.
E i' dico appriess'â mamma: "E' piccerella".
 
E' piccolina e intanto,
so solo io quello che dice la gente.
Ma la mamma dice che è piccolina.
E io dico insieme a mamma: "E' piccolina".
 
Ma che ato vò'? Nun è cuntenta ancora?
Che mm'aggi' 'a levá cchiù?
Scuorno a 'sta faccia.
Marcia alla moda, spènne, fa 'a signora
e a mamma mia, nemmeno na petaccia.
 
Ma che altro vuole? Non è contenta ancora?
Che mi devo togliere di più?
La vergogna da questa faccia.
Segue la moda, spende, fa la signora
e a mia mamma, nemmeno un soldo.
 
E i' zitto, caccio sempe.
E tanno è bello,
quanno caccio 'o curtiello.
 
E io zitto, caccio sempre.
E allora è bello,
quando tiro fuori il coltello.
 
E' piccerella e intanto,
saccio sul'io chello ca dice 'a gente.
Ma 'a mamma dice ancora: "E' piccerella".
E i' dico appriesso â mamma: "E' piccerella".
E' piccolina e intanto,
so solo io quello che dice la gente.
Ma la mamma dice ancora: "E' piccolina".
E io dico insieme a mamma: "E' piccolina".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia