'E RRAGAZZE


(Gambardella, Califano, Di Capua – 1904)


 
'E rragazze mo stanno in ribbasso,
vanno a caccia p'avé nu marito
e, pe' farse passá stu prurito,
lloro 'o ssanno quant'hann' 'a suffrí.
 
Le ragazze ora sono in ribasso,
vanno a caccia per avere un marito
e, per farsi passare questo desiderio,
loro sanno quanto devono soffrire.
 
Nun só' cchiù chilli tiempe 'e na vota
quanno ll'ommo jéva appriesso â gunnella
e pe' ll'uocchie 'e na femmena bella,
mo nce vò', se faceva spará.
 
Non sono più quei tempi di una volta
quando l'uomo andava dietro alla gonnella
e per gli occhi di una donna bella,
per davvero, si faceva sparare.
 
'E rragazze, cu 'o cannelotto,
vanno ascianno 'o giuvinotto.
Quanno ll'hann'avuto sotto,
nun s' 'o fanno scappá cchiù.
 
Le ragazze, col lanternino,
vanno cercando il giovanotto.
Quando l'hanno messo sotto,
non se lo fanno scappare più.
 
'E rragazze, cu 'o cannelotto,
vanno ascianno 'o giuvinotto.
Quanno ll'hann'avuto sotto,
nun s' 'o fanno scappá cchiù.
 
Le ragazze, col lanternino,
vanno cercando il giovanotto.
Quando l'hanno messo sotto,
non se lo fanno scappare più.
 
'O prugresso ha purtato cchiù lusso.
'O guverno ha mettuto cchiù tasse.
Chi vulite ca mo se 'nzurasse?
Quacche pazzo surtanto 'o ppò ffá.
 
Il progresso ha portato più lusso.
Il governo ha messo più tasse.
Chi volete che oggi si sposi?
Solo qualche pazzo potrebbe farlo.
 
Séh, purtáteve 'a femmena â casa.
'Int'a niente ve fa na famiglia.
Quanno è doppo, che bella quatriglia,
cu 'a miseria, vulite abballá.
 
Si, portatevi la donna a casa.
In un niente vi fa una famiglia.
Dopo, che bella quadriglia,
con la miseria, volete ballare.
 
'E rragazze, cu 'o cannelotto,
………………………………….
 
Le ragazze, col lanternino,
……………………………..
 
Picceré', 'a capite 'a canzone?
Senz' 'e llire nisciuno ve sposa.
Abballate, facite 'e sciantose.
'A furtuna, ll'avit' 'a scetá.
 
Piccole, la capite la canzone?
Senza soldi nessuno vi sposa.
Ballate, fate le sciantose.
La fortuna, dovete svegliarla.
 
State lustre cu ll'aco e cu 'o ffilo,
mo arrivate cu 'o fierro e 'a cazetta.
Si 'un facite vulá 'a machinetta,
picceré', v' 'a putite sciusciá.
 
Siete nei guai con l'ago e col filo,
ora arrivate col ferro e la calzetta.
Se non fate volare la macchina per cucire,
piccole, ve la potete soffiare.
 
'E rragazze, cu 'o cannelotto,
………………………………….
Le ragazze, col lanternino,
……………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia