'E TTREZZE 'E CARULINA


(Di Giacomo, Gambardella - 1895)


 
Oje pétteno ca piéttene
'e ttrezze 'e Carulina,
damme nu sfizio, scíppala
scíppala na matina.
 
Oh pettine che pettini
le trecce di Carolina,
dammi uno sfizio, graffiala
graffiala una mattina.
 
E tu specchio addó' lùceno
chill'uocchie, addó' cantanno
ride e se 'mmira, appánnete
quanno se sta ammiranno.
 
E tu specchio in cui luccicano
quegli occhi, dove cantando
ride e si ammira, appannati
mentre si ammira.
 
Lenzole addó' se stènnono
'e ccarne soje gentile,
'nfucáteve, pugnítela,
tutto stu mese 'abbrile.
 
Lenzuola su cui si stendono
le carni sue gentili,
infuocatevi, pungetela,
per tutto questo mese di aprile.
 
E vuje teste d'anèpeta,
d'aruta e 'e resedá,
seccáte 'ncopp'a ll'ásteco
facíteve truvá.
 
E voi vasi di gigli,
di ruta e di resede,
seccati sul davanzale
fatevi trovare.
 
Ma 'o pétteno ca péttena
'e ttrezze 'e Carulina,
è sempe 'o stesso pétteno
'e tartaruga fina.
 
Ma il pettine che pettina
le trecce di Carolina,
è sempre lo stesso pettine
di pregiata tartaruga.
 
'O specchio è de Venezia
e nun ha fatto mosse,
'e llenzulelle smòveno
n'addore 'e spicaddossa.
 
Lo specchio è di Venezia
e non ha fatto mosse,
le lenzuola emanano
un odore di lavanda.
 
E manco nun mme sentono
ll'aruta e 'a resedá:
cchiù ampresso 'ncopp'a ll'asteco
abbrile 'e ffa schiuppá.
 
E neanche mi sentono
la ruta e la reseda:
prima sul davanzale
aprile le fa sbocciare.
 
E sti scungiure, è inutile,
nn' 'a pònno cchiù arrevá.
Cchiù 'nfama e cchiù simpatica,
cchiù bella assaje se fa.
E questi scongiuri, è inutile,
non la possono più raggiungere.
Più infame e più simpatica,
più bella ancora diventa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia