E TU CHI SI'?


(Bovio, Valente – 1923)


 
Si' bello e ricco? E di', quant'anne tiene?
Tiene vint'anne? E i' tengo 'o ddoppio 'e te.
Ma cride 'ncap'a te ca te vò' bene?
Quanto si' buono. Mme vò' bene a me.
 
Sei bello e ricco? E dimmi, quanti anni hai?
Hai vent'anni? E io ne ho il doppio di te.
Ma credi nella tua testa che ti vuole bene?
Quanto sei buono. Vuol bene a me.
 
E ca tu passe cu 'o cammenatore
sott' 'a fenesta, che nce passe a fá?
T' 'o ddico a te, a parola mia d'onore,
nun ce passá.
 
E tu che passi con il camminatore
sotto alla finestra, ma che ci passi a fare?
Lo dico a te, parola mia d'onore,
non ci passare.
 
Vò' bene a me.
Vò' bene a me.
E vuó' sapé pecché?
Pecché sape ca tu
dint'a sti mmane meje si na bambù.
Pènzace oje ni'.
Dint'a sti mmorze 'o ssa' comme te chiéjo?
Guarda, accussí.
 
Vuole bene a me.
Vuole bene a me.
E vuoi sapere perchè?
Perchè sa che tu
fra le mie mani sei una bambola.
Pensaci, oh piccolo.
Dentro a queste morse sai come ti piego?
Guarda, così.
 
Tu tiene 'aniello 'e vinte grane1 a 'o dito
e i' tengo 'e call'a 'e mmane e niente cchiù.
Tu tutt' 'e juorne cagne nu vestito
e i' sempe 'o stesso, sempe 'a blusa blu.
 
Tu hai l'anello da venti grani1 al dito
e io ho i calli sulle mani e niente più.
Tu tutti i giorni cambi il vestito
e io sempre lo stesso, sempre la camicia blu.
 
Tu lle prumiette centenare 'e cose
e chella te risponne sempe no.
Io 'a saccio fá felice cu doje rose,
quann'essa 'e vvò'.
 
Tu le prometti centinaia di cose
e quella ti risponde sempre no
Io so farla felice con due rose,
quando lei le vuole.
 
Vò' bene a me.
…………………
 
Vuole bene a me.
……………………
 
Geluso 'e te ? E chi si'? Tu nun si' niente.
Si' n'ommo pe' pazzía vicino a me.
Tòccame 'a mana. Comm'è fredda. 'A siente?
Saje pe' chi tremmo? Nun 'o ssaje? Pe' te.
 
Geloso di te ? E chi sei? Tu non sei niente.
Sei un uomo per pazzia vicino a me.
Toccami la mano. Com'è fredda. La senti?
Sai per chi tremo? Non lo sai? Per te.
 
Geluso? Ma ched è 'sta gelusia?
Pecché nce sta quaccuno meglio 'e me?
I' ca fatico tutt' 'a vita mia,
so' cchiù d' 'o rre.
 
Geloso? Ma cos' è questa gelosia?
Perchè c'è qualcuno migliore di me?
Io che lavoro tutta la vita,
so più di un re.
 
Vò' bene a me,
…………………
Vuole bene a me.
……………………


1 Il grano era la moneta del Regno delle Due Sicilie, battuta per la prima volta da Fernando I d'Aragona.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia