'E ZUCCULILLE


(Nicolardi, Staffelli – 1951)


 
Quanta vote mme pare bella
cu sti bùccole anella anella,
chi 'o ppò dí?
Cu 'sta vesta a campanella
e accussí sciaguratella
comme si'.
Nun ce vonno ll'anielle a 'e ddete,
nun ce vonno cazette 'e seta.
Senza 'o nniro e senza 'o rrusso,
sott'a st'uocchie e 'nfacci' 'ô musso,
faje sperí…
 
Quante volte mi sembri bella
con questi capelli ricci ricci,
chi lo può dire?
Con questo vestito a campana
e così sciagurata
come sei.
Non ci vogliono gli anelli al dito,
non ci voglio calze di seta.
Senza il nero e senza il rosso,
sotto agli occhi e sulle labbra,
fai morire di voglia…
 
Tarantella cu 'e zuóccole ô père,
tu quanto si' cara nun può 'mmagginá.
Va nu cuófano e miezo 'e denare,
nu vero tesoro, 'sta semplicitá.

Ah – ah – ah – ah.
 
Tarantella con gli zoccoli ai piedi,
quanto sei cara non puoi immaginare.
Vale un forziere e mezzo di denari,
un vero tesoro, questa semplicità.

Ah – ah – ah – ah.
 
Comme sonano 'e zucculille,
tícchete e tácchete quanno abballe.
Tale e quale stu core fa,
ticchete, tácchete, tícchete, tá.
 
Come suonano gli zoccoli,
tic-tac quando balli.
Tale e quale fa questo cuore,
tic-tac, tic-tà.
 
Quanno faje stu pizzo a riso,
mme daje 'nfierno e paraviso,
Giesummí'.
Chi 'sta vocca carnale vasa,
cannamèla comm' 'a cerasa,
pò murí.
N'ora 'e gusto, diece anne 'e guaje
e chest'ora, si tu mm' 'a daje,
piglia fuoco 'a passiuncella,
ca nisciuna è accussí bella
comme si'.
 
Quando sorridi,
mi dai inferno e paradiso,
Gesù mio.
Chi questa bocca carnale bacia,
dolce come una ciliegia,
può morire.
Un'ora di gusto, dieci anni di guai
e adesso, se tu me la dai,
prende fuoco la passione
che nessuna è così bella
come sei.
 
Tarantella cu 'e zuóccole ô père,
………………………………………
 
Tarantella con gli zoccoli ai piedi,
……………………………………..
 
Sott' 'e piénnule d'uva rosa
ch'ammaturano 'int'a stu mese,
dimme sí.
Dimme sí, si vuó' fá 'a sposa,
tu si' 'a femmena cianciosa
ca vogl'i'.
Mm'hê 'a prumettere sulamente,
ca tu rieste paisana e ardente
comm' 'o sole 'e stu paese.
Bona, semplice e curtese
comme si'.
 
Sotto le pigne d'uva rosa
che maturano questo mese,
dimmi sì.
Dimmi di sì, se vuoi fare la sposa,
tu sei la donna capricciosa
che voglio io.
Mi devi promettere solo,
che resti paesana e ardente
come il sole di questo paese.
Buona, semplice e cortese
come sei.
 
Tarantella cu 'e zuóccole ô père,
………………………………………
Tarantella con gli zoccoli ai piedi,
……………………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia