ERA DE MAGGIO


(Di Giacomo, Costa – 1885)


 
Era de maggio e te cadéano 'nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse.
Fresca era ll'aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe.
 
Era di maggio e ti cadevano in grembo,
a ciocche, a ciocche, le ciliegie rosse.
L'aria era fresca e tutto il giardino
profumava di rose da cento passi.
 
Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce.
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce.
 
Era di maggio, io no, non me ne dimentico,
cantavamo una canzone a due voci.
Più tempo passa e più me ne ricordo,
l'aria era fresca e la canzone dolce.
 
E diceva: "Core, core,
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse, io conto ll'ore.
Chisà quanno turnarraje".
 
E diceva: "Cuore, cuore,
cuore mio, lontano vai,
tu mi lasci, io conto le ore.
Chissà quando tornerai".
 
Rispunnev'io: "Turnarraggio
quanno tornano li rrose.
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.
 
Io rispondevo: "Tornerò
quando tornano le rose.
Se questo fiore torna a maggio,
anche a maggio io sono qua.
 
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá".
 
Se questo fiore torna a maggio,
anche a maggio io sono qua.
 
E só' turnato e mo, comm'a na vota,
cantammo 'nzieme lu mutivo antico.
Passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma 'ammore vero no, nun vota vico.
 
E sono ritornato e ora, come una volta,
cantiamo insieme il motivo antico.
Passa il tempo ed il mondo cambia,
ma il vero amore no, non cambia vicolo.
 
De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje,
si t'allicuorde, 'nnanz'a la funtana.
Ll'acqua, llá dinto, nun se sécca maje
e ferita d'ammore nun se sana.
 
Di te, mia bellezza, mi innamorai,
se ti ricordi, davanti a una fontana.
l'acqua, là dentro, non si secca mai,
e ferita d'amore non si guarisce.
 
Nun se sana. Ca sanata,
si se fosse, gioja mia,
'mmiez'a st'aria 'mbarzamata,
a guardarte io nun starría.
 
Non guarisce. Perché se sanata
si fosse, gioia mia,
in mezzo a quest'aria imbalsamata,
a guardarti io non starei.
 
E te dico: "Core, core,
core mio, turnato io só'.
Torna maggio e torna 'ammore.
Fa' de me chello che vuó'.
 
E ti dico: " Cuore, cuore,
cuore mio, io sono tornato.
Torna maggio e torna l'amore.
Fai di me quello che vuoi.
 
Torna maggio e torna 'ammore.
Fa' de me chello che vuó'".
Torna maggio e torna l'amore.
Fai di me quello che vuoi".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia